Amazon Key, l'innovativo servizio di consegna dentro casa: ecco come funziona

Share

Ancora una volta Amazon si appresta a rivoluzionare il mondo del commercio attraverso una nuova modalità di consegna: il nuovo servizio, che si chiama Key, consente infatti al corriere di lasciare i pacchi all'interno della casa dell'acquirente anche quando non c'è nessuno.

Amazon Key potrebbe inoltre aprire ad Amazon le porte nel settore della domotica. Quando il corriere raggiunge l'uscio di casa scannerizza il codice a barre del pacco e invia una richiesta ad Amazon che gli restituisce il permesso e invia una notifica alla Cloud Cam, la quale inizia a registrare.

Quante volte, dopo aver ordinato un pacco da Amazon, avete provato quella classica ansia di non essere in casa nel momento in cui potrebbe essere consegnato? Amazon Key funziona con una serie di smart lock dei marchi Kwikset e Yale mentre la Cloud Cam è realizzata direttamente dal gruppo di Jeff Bezos e ne costituisce l'esordio nell'ambito della videosicurezza.

Milan-Juventus, parla Fassone: "Stasera può arrivare la svolta definitiva"
Abbiamo un margine di progresso evidente. "Tutti sappiamo il loro valore". Sulle parole di Berlusconi: "Non mi permetto di commentarle".

In questo caso lo stesso Amazon controllerà l'identità, il percorso ma anche l'orario e l'indirizzo del corriere e se tutto corrisponderà a quanto registrato dall'utente permetterà lo sblocco della serratura nel momento della consegna attivando in modo automatico anche la registrazione dalla webcam per una maggiore trasparenza e sicurezza.

La nota dolente di questa tecnologia è certamente rappresentata dall'esborso economico richiesto: con circa 250 dollari l'utente potrà acquistare sia la 'Amazon Cloud Camera' che la serratura 'smart', senza incorrere in costi aggiuntivi.

Resta il fatto che il servizio Key è uno step successivo nell'offerta di Amazon, destinato a dividere gli utenti: c'è chi ne saprà (e potrà) cogliere la comodità e deciderà di fidarsi e chi invece lo giudicherà negativamente. Amazon sta anche pensando di espandere le possibilità del sistema con servizi in abbonamento, per esempio per videoregistrare cosa accade in casa. Si partirà l'8 novembre in 37 città americane per una prima fase di test che, dopo i punti di ritiro Locker e mille altri sistemi messi in cantiere, droni inclusi, compie il passo più logico che potesse esistere: infilarsi dentro casa. Potrà anche permettere l'ingresso in casa dei propri amici o familiari, il tutto sotto il controllo totale dell'utente grazie all'app appositamente sviluppata.

Share