Boom di malattie legate al sesso, +400% casi di sifilide

Share

L'allarme è arrivato dal 56esimo Congresso dell'Associazione Dermatologi Ospedalieri (Adoi), insieme all'invito alla prevenzione, soprattutto per i giovani che paiono non avere paura delle malattie sessualmente trasmissibili, anche perché nell'ultimo periodo sembravano non rappresentare più un'emergenza.

Malattie legate a sesso boom, +400% casi di sifilide dal 2000.

Gli agenti patogeni nel mirino degli scienziati sono più di 20: batteri, virus, funghi e parassiti che rendono i rapporti non protetti un serio rischio per la salute, come spiega Massimo Giuliani, dell'Istituto Dermatologico San Gallicano.

Il Bologna naufraga a Bergamo. Cornelius spegne la luce ai rossoblù
Ebbene, forse nel primo tempo le aspettative sono state deluse da una fase di studio continua di entrambi gli undici in campo. Nelle rotazioni va in panchina Toloi , con Masiello, Caldara e Palomino a difendere il portiere Berisha.

Sono 498,9 milioni i nuovi casi di malattie sessualmente trasmissibili registrati ogni anno dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Questo vuol dire che nel mondo oltre un milione e mezzo di persone ogni giorno si ammala per una Mst, mentre la gonorrea ha visto quasi raddoppiare i casi in Europa tra il 2008 al 2013. In Italia, secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, negli ultimi anni i casi di Mst sono sempre aumentati, passando dai circa 3500 del 2006 ai circa 6500 del 2013.

"Qualsiasi rapporto vaginale, anale e orale non protetto tra partner non monogami è potenzialmente pericoloso per contrarre una Mst", afferma il professor Antonio Cristaudo, presidente del congresso, che segnala l'abbassamento della guardia rispetto al rischio di contrarre questo tipo di malattie, causa primaria del loro aumento esponenziale. Un aumento registrato soprattutto tra i maschi.

Per il professor Cristaudo stiamo assistendo anche "ad una minore percezione del rischio Hiv da parte della popolazione con più di 50 anni e anziana che riceve una diagnosi tardiva nei centri clinici addirittura nel 63 per cento dei casi contro il 47 dei più giovani e con segni di infezione avanzata". "Negli ultimi anni poi questa crescita è stata amplificata dalla facilitaàdegli incontri sessuali occasionali dovuta all'utilizzo di Internet e delle App". Oggi si può infatti diagnosticare una sifilide su una goccia di sangue da un dito o fare nello stesso modo un test HIV a casa. Oggi la definisce una "vera e propria epidemia".

Share