Buffon è amareggiato: "Siamo senza certezze, serve una svolta"

Share

Queste le parole di Gigi Buffon ai microfoni di Sky Sport, nel post partita.

Il tracollo contro la Spagna è stato il punto di partenza del declino degli azzurri che devono ritrovare le certezze del passato secondo l'estremo difensore: "Non è stata una prestazione entusiasmante". La cosa che preoccupa è che il primo anno l'abbiamo fatto in ascesa, convincendo con entusiasmo. Ci stiamo portando ancora dietro le scorie di quella partita. Ora bisogna ricominciare dal divertimento, dal divertirci sapendo che è l'unico modo per poterci esprimere al meglio scacciando la paura, per essere più sciolti quando si gioca. "Il pareggio ha solo acuito una situazione dalla quale dobbiamo venire fuori in fretta e con orgoglio e determinazione". "Anche con una parola e un gesto dobbiamo dare le indicazioni giuste in campo per tappare le nostre falle". Forse pensavamo di esser più di quello che siamo in realtà, probabilmente ci eravamo illusi dopo una prima stagione spesso esaltante. Negli spogliatoi ha parlato il mister e penso fosse più che sufficiente. Quel calciatore a 39 anni suonati rincorre il sogno del Mondiale numero 6 (dopo quelli del 1998, 2002, 2006, 2010 e 2014) e del record di presenze da capitano dell'Italia (Cannavaro è vicinissimo). Dobbiamo toglierci fuori dal vortice della negatività, altrimenti faremo solo peggio. Noi più grandi dobbiamo trovare questa forza e questa determinazione: "sono gli unici ingredienti per non piangersi addosso e reagire".

Brexit: "discorso da incubo di May", sterlina ai minimi di tre settimane
Sui mercati la sterlina è scesa ai minimi di tre settimane contro il dollaro a quota $1.318. Un discorso flagellato dalla tosse e a tratti sussurrato con voce strozzata quasi inudibile.

L'estremo difensore di Juve e Nazionale, ha preso le difese del ct che è finito sulla graticola dopo il flop contro la Spagna e le prestazioni deludenti con Israele e Macedonia: "Se serve un ct o uno psicologo?" Una squadra come la nostra deve vincere partite così in qualsiasi modo e questo non dipende assolutamente dall'allenatore. "Sono stati quindi giustificati".

Share