Duello Marquez- Dovizioso, lo spagnolo: "Ora viene il difficile"

Share

Il pilota romagnolo è salito sul podio a Motegi in tutte e tre le categorie, vincendo la gara 125 nel 2004, ottenendo due delle sue cinque pole position in MotoGP e arrivando due volte secondo sul tracciato giapponese nella massima categoria. "Motegi e' una pista speciale, una delle mie preferite soprattutto perche' si frena molto forte, sono sicuro che su questo circuito potremo essere di nuovo protagonisti - ha dichiarato Dovizioso, secondo nella classifica del Mondiale -". Il GP del Giappone è un circuito rivelatosi in passato favorevole alla Desmosedici, con le tre vittorie consecutive di Loris capirossi nel 2005, 2006 e 2007 e il trionfo di Casey Stoner nel 2010, che nel 2007 conquistò il titolo iridato proprio qui a Motegi. Infatti, tolto il gran premio di Silverstone in cui il motore ha ceduto, la RC213V è sempre salita sul podio: "La cosa più importante per noi è che, tolta Silverstone, da Barcellona siamo saliti sul podio in ogni gara". Marc Marquez è il leader nel motomondiale con 16 punti di vantaggio su Dovizioso e confida di partire col piede giusto la tripletta asiatica che inizia domenica col Gp del Giappone: "Ci sono ancora quattro GP e dobbiamo dare il 100% in ognuno di questo".

LORENZO: "PUNTO AL PODIO" - Dopo il terzo posto ad Aragon cerca un altro risultato positivo anche Jorge Lorenzo: "E' stato molto importante per la squadra e ha confermato che la direzione che stiamo seguendo è quella giusta - le parole dello spagnolo -". Ho avuto buone sensazioni in questo circuito dalla prima volta che ho guidato qui, quando avevo 15 anni.

Si ferisce alla gola con una motosega, morto 16enne
Il suo comune ha proclamato lutto cittadino, dimostrando la propria vicinanza alla famiglia per l'immane tragedia. La storia, che ne ha dell'incredibile e dell'assurdo, arriva da Francavilla Marittima in provincia di Cosenza .

ESPARGARO: "HO MOTO COMPETITIVA" - "Amo il Giappone, per me è uno dei migliori paesi al mondo". "L'atmosfera nel team è fantastica, non vedo l'ora di trascorrere quasi un mese con i ragazzi", conclude lo spagnolo.

"La pressione non mi spaventa, mi piace".

Share