Eni:III trim utile netto sale 344 mnl, quadruplica utile operativo

Share

L'Eni vola e torna in attivo: chiude il terzo trimestre con un utile netto di 344 milioni di euro (contro la perdita di 562 milioni dello stesso periodo dello scorso anno) e un utile adjusted di 229 milioni (484 milioni il rosso 2016).

Rosatellum e Verdini, ecco il bottino di Renzi
Il regista di questa legge elettorale - continua - è Verdini e suo e dei suoi uomini è il sostegno che permette l'approvazione del Rosatellum .

Roma, 27 ott 14:15 - (Agenzia Nova) - Il consiglio di amministrazione di Eni ha approvato ieri i risultati consolidati dei nove mesi e del terzo trimestre 2017 (non sottoposti a revisione contabile). La produzione giornaliera è stata pari a 1,8 milioni di barili, in crescita del 5,4%.Nei primi nove mesi dell'anno, la compagnia energetica tricolore presenta una "bottom line" di 1,33 miliardi, mentre l'utile rettificato è pari a 1,44 miliardi. In una nota, il colosso petrolifero guidato da Claudio Descalzi ha comunicato di aver ottenuto nel trimestre una "forte generazione di cassa operativa": 2,16 miliardi di euro da luglio a settembre (+63%) e di 6,8 miliardi nei nove mesi (+54%). Previsti per l'intero 2017 investimenti proforma di 7,5 miliardi di euro, cioè al netto dei rimborsi connessi alle dismissioni e agli anticipi da parte dei partner di Stato nel progetto Zohr in Egitto, confermando l'obiettivo di riduzione dello spending di circa il 18% rispetto al 2016 a cambi costanti. Descalzi ha confermato che "nel 2017 otterremo una copertura organica degli investimenti e dei dividendi, interamente corrisposti per cassa, in corrispondenza di un prezzo Brent di 60$/bl, come annunciato a inizio anno, 45$ tenendo conto delle operazioni legate al nostro dual exploration model". La copertura organica capex pro-forma a circa il 120%. "Nel terzo trimestre abbiamo conseguito risultati eccellenti con un risultato netto in aumento di oltre 700 milioni ed un flusso di cassa operativo in netta crescita rispetto al terzo trimestre del 2016". Quanto alle dismissioni, un capitolo importante, sono previsti incassi di 3,7 miliardi su base annua, di cui circa 1,5 miliardi nei nove mesi riferiti principalmente al dual exploration model. Il trimestre ha toccato risultati record per l'R&M: 0,22 miliardi di euro di utile operativo adjusted, un dato è più che raddoppiato rispetto al terzo trimestre 2016 nonostante la ridotta disponibilità delle raffinerie di Sannazzaro e di Livorno (0,46 miliardi di euro nei nove mesi, +117 per cento). Quanto al settore gas & power, le vendite di gas naturale sono state di 17,44 miliardi di metri cubi, in diminuzione anche per effetto della cessione delle attività retail in Belgio e Ungheria. La perdita netta adjusted è quindi pari a 139 milioni (302 nel 2016). I risultati, dice ancora Descalzi, "sono stati raggiunti grazie ai progressi compiuti nella realizzazione della nostra strategia". Per l'intero 2017 l'Eni prevede una produzione media di 1,815 milioni di barili al giorno, replicando così il record storico del 2010. Bene anche il debito che è sceso a quota 14,96 miliardi (16 miliardi alla fine del terzo trimestre 2016) ed è atteso in riduzione a fine anno con la finalizzazione delle dismissioni definite.

Share