Firenze, studenti in corteo contro l'alternanza scuola-lavoro

Share

"L'alternanza scuola-lavoro si è già dimostrata un'esperienza vincente per il comune di Bari, una grande opportunità per i giovani in quanto favorisce gli accessi dalla scuola al sistema delle imprese, rivelandosi una efficace forma di orientamento nel mondo del lavoro" ha detto l'assessore comunale alle Politiche giovanili e lavoro, Paola Romano, intervenuta all'incontro, insieme con Antonio D'Itollo, dirigente dell'Ufficio Scolastico Regionale della Puglia e alla dott.ssa Ulrike Tiezke del Goethe Institut Italien, le associazioni di categoria, gli ordini professionali, le imprese del territorio BA e BAT e gli studenti che hanno portato le loro testimonianze. Un tema che è tornato alla ribalta dopo un sentenza della Cassazione chiamata ad esprimersi sull'episodio di uno studente delle scuole medie rimasto investito da un autobus al termine delle lezioni. E questo fino a 14 anni. Di conseguenza, "chiunque abbandona una persona minore di 14 anni della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni". I ragazzi, all'uscita della scuola, potranno essere accompagnati da un adulto che dovrà necessariamente munirsi di delega e documento di identità. Perché ora, neanche coloro che fino ad oggi avevano firmato una liberatoria per autorizzare gli insegnanti a lasciar tornare da casa da soli i propri figli, sono esclusi dalla nuova regola. In caso non si presenti nessuno, il Preside potrebbe addirittura chiamare la Polizia. Nei casi più rigidi la formula che si trova è che gli alunni minorenni vanno prelevati direttamente dai genitori o da soggetti maggiorenni delegati anche di volta in volta dall'esercente la patria potestà. La rete nazionale degli studenti passa alle controproposte: "Se ancora si vuole parlare di Alternanza vogliamo, come proposto da tutti gli studenti italiani, uno statuto che ci garantisca la gratuità e la qualità dei percorsi di Alternanza e un "codice etico" da imporre ad ogni azienda per tutelare la nostra figura e la nostra dignità in genere". "Non è protezione, ma solo paura", ha aggiunto. In Italia solo una piccola parte (il 30%) degli alunni delle scuole medie fa il ritorno a casa non accompagnato da un genitore.

Wenger: "Sanchez e Ozil via a gennaio? Non posso escluderlo"
Per entrambi i giocatori il contratto scadrà nel prossimo giugno e dunque potrebbero lasciare l'Arsenal a parametro zero. Lo fa capire il tecnico dell'Arsenal che dice: " Non posso escludere che entrambi possano lasciarci già a gennaio ".

I favorevoli alla circolare parlano invece di una misura più che giusta per proteggere i ragazzi dai pericoli e dai malintenzionati che possono incontrare per strada, soprattutto in una età delicata come quella della preadolescenza.

Share