Già finita la fuga dei due extracomunitari evasi dal carcere

Share

I due sono stati presi a poca distanza dalla struttura carceraria.

Due detenuti nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), sono evasi ieri sera, ma sono stati subito catturati.

Ancor più incisivo è l'intervento di Alessandro De Pasquale segretario Generale dell'Ugl Polizia Penitenziaria: "Sono trascorsi circa tre mesi dall'ultima evasione nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto e da allora non è chiaro cosa abbia fatto l'amministrazione vista la nuova evasione di due detenuti stranieri". Si tratta di Mohamed Micri, un 29enne di nazionalita' tunisina, con precedenti per furto, rapina, lesioni personali, ricettazione, minaccia, recluso nel carcere di Barcellona P.G. dallo scorso 22 settembre, dove scontava una pena a tre anni inflittagli dal Tribunale di Messina.

Follia a Torino, clochard aggredito e dato alle fiamme. E' in rianimazione
Il fatto si è verificato intorno alle 21.30 nei giardini 'Madre Teresa di Calcutta' nel quartiere Aurora del capoluogo piemontese. Un clochard è stato aggredito e dato alle fiamme nella serata di ieri 28 ottobre a Torino in un giardino pubblico.

Quasi nello stesso momento i carabinieri intercettavano e catturavano l'altro evaso, H.M., 20 anni del Ghana che era detenuto per rapina e furto aggravato.

La brillante operazione di Polizia è stata portata a termine sulla A18, in prossimità dei caselli di Barcellona P.G. quando, dopo aver appreso della fuga dal carcere avvenuta intorno alle ore 18,30, i poliziotti mettevano in atto un'attenta vigilanza. Dopo l'evasione e la conclusione positiva delle ricerche, è adesso il tempo di analizzare ed affrontare le difficoltà organizzative del carcere di Barcellona, già manifestazione da alcuni depurati nazionale, come il barcellonese Alessio Villarosa del Movimento 5 Stelle e la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, che durante la visita in Sicilia per la campagna elettorale ha fissato una tappa anche al carcere Madia di Barcellona, per sottolineare le difficoltà di chi opera all'interno della struttura.

Share