"Io non rischio", il 14 ottobre la campagna di prevenzione

Share

Per ogni località sarà allestito un gazebo in una piazza del centro storico e saranno organizzate iniziative per sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto: dai trekking urbani alla ricerca delle tracce che sismi o allagamenti hanno lasciato sugli edifici cittadini ad attività ludiche per bambini e classi scolastiche, dalle cacce al tesoro al coinvolgimento di testimonial locali.

Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano l'Italia.

Il 14 ottobre tutti in piazza per Io non rischio, la campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile, concepita dall'Anpas e sostenuta dalla Protezione Civile e dai suoi volontari.

"Quest'anno l'edizione sarà speciale, sarà un evento simbolico per tutte le diverse associazioni di volontariato riunite in un'unica piazza".

Aldo Biscardi: figli Antonella e Maurizio, causa della morte e biografia
In aperta polemica con l'Ordine, Biscardi decise di non confermare più l'iscrizione all'albo dei giornalisti (30 ottobre 2006). Malato da tempo, è morto a Roma , presso il Policlinico Gemelli , a poco più di un mese dal compimento del suo 87° compleanno.

Sabato 14 ottobre, in contemporanea con le altre città in tutta Italia, anche Vicenza partecipa alla campagna "Io non rischio". Di nuovo c'è che nell'edizione 2017 i volontari accompagneranno i cittadini per le città in percorsi legati alla conoscenza dei rischi specifici del loro territorio e alla memoria dei luoghi. Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio 'alluvione', l'appuntamento è presso il Centro Commerciale Gli Orsi.

In occasione della presentazione abbiamo simbolicamente consegnato al Nucleo Volontari Protezione Civile Comune di Salerno il mezzo antincendio fornito dalla Regione Campania ed un encomio ai volontari per l'opera svolta in occasione degli sbarchi di migranti nel porto di Salerno: "un riconoscimento ed un ringraziamento assolutamente sentiti, perché la Protezione Civile ha svolto una funzione encomiabile ed imprenscindibile in occasione degli sbarchi nel porto di Salerno e lo ha fatto con umanità e competenza".

L'edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre settecento realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d'Italia. I volontari del Gruppo comunale di Trieste, di Muggia e Duino Aurisina e dell'associazione nazionale Psicologi per i Popoli, saranno in piazza della Borsa sabato 14 ottobre accanto alle altre associazioni di volontari: Alpini ANA, Vigili del Fuoco, Carabinieri e Pompieri volontari, proprio per dialogare con la gente.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

Share