Lega: Gori candidato a presidenza Regione, si dimetta da sindaco

Share

Ora è ufficiale: il sindaco di Bergamo Giorgio Gori sarà il candidato presidente della Lombardia per la gran parte del centrosinistra. Manca l'accordo con Mdp. Manca l'accordo con Mdp che avrebbe voluto fissare la data per le primarie a metà dicembre.

"La direzione regionale Pd ha votato all'unanimità Giorgio Gori candidato alle regionali 2018" spiega Alessandro Alfieri, segretario regionale del Pd.

Roma, arrestati due tifosi giallorossi: aggressione a tifosi del Chelsea
Anche al Chelsea conviene ovviamente vincere per archiviare quasi matematicamente la qualificazione agli ottavi di finale. Nainggolan dovrebbe essere avanzato tra gli attaccanti per un tridente formato da Dzeko e da Perotti .

"Mi dispiace non si sia trovato un accordo sull'organizzazione delle primarie che, ribadisco, sono pronto ad affrontare purché tali da favorire la più ampia partecipazione degli elettori", ha detto Gori.

Ieri, nel pomeriggio, c'era stata una riunione con i rappresentanti di PD, Patto Civico di Umberto Ambrosoli, Campo progressista di Giuliano Pisapia, Partito socialista, Italia dei Valori e Verdi che fanno parte della coalizione a sostegno di Gori. Poi ha ribadito "la ferma intenzione di favorire la più ampia aggregazione di forze politiche e civiche del centrosinistra intorno ad un programma di autentico cambiamento di Regione Lombardia, i cui elementi qualificanti siano la tutela dell'accesso universale alla migliore offerta sanitaria, un serio progetto di riqualificazione ambientale e di sviluppo sostenibile del territorio regionale e un deciso intervento sulle disuguaglianze di tipo economico e sull'accesso ai diritti. Su queste basi - ha concluso - confido potremo fare positiva sintesi del contributo di tutti". Buffagni ha anche speigato che "esiste incompatibilità tra il ruolo di consigliere regionale e sindaco", sostenendo che se non sceglierà da subito Gori "dimostrerà solo il suo carrierismo utilizzando la poltrona da sindaco coma salvagente di consolazione". Siamo convinti che per segnare una discontinuità sia necessario aprire un confronto nella società lombarda, evitando di aprire una discussione che resti interna al solo ceto politico.

Share