Minniti: "Raqqa miniera di notizie sui foreign fighter"

Share

Nell'imminenza del G7 di Ischia, che si apre a poche ore dalla caduta di Raqqa, la capitale dello Stato islamico (Is), il ministro ha affermato: "Sappiamo quanto avere un territorio sia stato importante per l'Is, la prima organizzazione terroristica della storia a farsi anche Stato".

In merito all'altra grande minaccia alle democrazie, che viene dagli attacchi informatici, spesso organizzati da potenze straniere, che colpiscono sia le aziende sia i processi elettorali, Minniti ha osservato che dopo la direttiva Monti del 2013 adesso c'e' la direttiva Gentiloni sulla cyberdefense: "Uno scudo basato su tre pilastri, che compongono la risposta unitaria del sistema paese". La scelta dell'isola come punto di raccolta di questo vertice è stata fortemente sponsorizzata dallo stesso ministro Marco Minniti dopo il terremoto del 21 agosto scorso, che colpì duramente Casamicciola.

Fabrizio Miccoli condannato per estorsione
L'esecutore materiale della estorsione è stato assolto e lui, il presunto mandante, è stato condannato. I guai per Miccoli iniziarono nel 2012 durante le indagini per la cattura di Antonino Lauricella .

"Sulla cybersecurity abbiamo messo in piedi una grande infrastruttura protettiva per difenderci". Accordo con i colossi del web per contrastare il proselitismo in rete. Prenderanno parte ai lavori, quindi, il vicepresidente degli affari europei di Microsoft John Frank, il capo delle politiche di controterrorismo di Facebook Brian Fishman, il capo delle politiche pubbliche e di governo di Twitter Nick Pickles, il vicepresidente delle politiche pubbliche di Google, Nicholas Lundblad. "Internet è stato veicolo di conversione, reclutamento, addestramento, radicalizzazione e anche emulazione", ha spiegato ancora Minniti, "intervenire è dunque un aspetto cruciale".

Al centro della discussione saranno due temi fondamentali: la prevenzione - insieme al settore privato - dell'uso terroristico di Internet e di collaborazione nella lotta ai cosiddetti "foreign fighters" attraverso lo scambio di informazioni e le attività di depotenziamento degli estremisti.

Share