Napoli, Mertens: "Maradona ha fatto la storia, io sono solo Dries"

Share

Dries Mertens nel suo nuovo ruolo da centravanti ha conquistato la platea azzurra, mettendo a segno gol a ripetizione: in questo inizio di stagione sono già nove le reti, sette in sette partite di campionato, ma per lattaccante belga non è abbastanza per essere avvicinato al “Pibe de Oro”.

Quella di sabato sera sarà anche la sfida tra i due candidati al Pallone d'Oro "italiani" non militanti nella Juventus.

" Mi fa piacere il paragone con Maradona, ma ho tanto rispetto per lui: Diego è una leggenda, ha fatto la storia del calcio, il mio è un altro livello".

Tutti pensavano che Dries era un giocatore da finale di partita, quando tutti erano stanchi lui entrava e spaccava le difese con la sua freschezza invece ha dimostrato di saperlo fare anche dal 1° minuto. Io sono Dries: "voglio restare con i piedi per terra ed aiutare la squadra", ha proseguito il belga.

Napoli, Koulibaly: "Sarri un genio. Juventus? Ha i soldi..." 12 12-10
Il mister vede cose che altri non vedono. "Benitez mi ha aiutato, lui mi ha riscoperto". Mi ha fatto vedere un video con i miei errori, così mi aiuta a migliorare.

Non solo la Juventus per la lotta Scudetto: "La Juve non è l'unica squadra da battere, ci sono gli altri club. Amo ogni singola cosa di questa città, mi piace uscire, girare, conoscere gente nuova, il clima che si respira è sempre stupendo". Adesso sono concentrato solo sul Napoli: dobbiamo pensare a noi stessi e dare tutto senza guardare gli altri.

"Qui a Napoli il calcio è incredibile, la gente lo segue in maniera pazzesca".

Sei pronto per seguirci su Twitter?

Share