Anonymous Italia è tornato: "sottratti dati al governo"

Share

Centinaia di file che, secondo quanto annunciato dagli hacker, sono stati sottratti a corpi dello Stato e istituzioni, sia nazionali che europee. Il gruppo hacker è tornato a colpire questa volta pare abbia pubblicato alcune informazioni riguardanti forze di polizia e Ministeri.

Alessio Caprodossi Un lunghissimo elenco di dati riservati e personali, come indirizzi mail, numeri di telefono, ordinanze di servizio delle questure ma anche buste paga e documenti di militari, poliziotti e marinai, sono finiti nelle mani di Anonymous. "Cittadini, siamo lieti di annunciarvi, per il diritto della democrazia e della dignità dei popoli, che siamo in possesso di una lista di dati personali relativi al Ministero dell'Interno, al Ministero della Difesa, alla Marina Militare nonché di Palazzo Chigi e Parlamento europeo" hanno scritto i responsabili. Tra i documenti sottratti ci sarebbe anche uno scambio di mail tra funzionari di Palazzo Chigi e appartenenti alle forze di polizia relativo alla visita del premier Gentiloni a Bolgna. Il fascicolo è coordinato dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte, lo stesso magistrato che ha scovato il presunto accesso abusivo ai sistemi informatici istituzionali da parte dell'ingegnere Giulio Occhionero. E, ancora, dati personali e foto di agenti e militari: curricula, dichiarazioni dei redditi, fotocopie di passaporti e carte d'identità, buste paga e contratti d'affitto.

Atp Finals: Nadal perde e si ritira. Stasera alle 21 Federer-Zverev
Nadal , numero uno al mondo, ha comunicato di aver deciso di ritirarsi dal torneo (problemi fisici): "La mia stagione è finita". Oggi, martedì, si torna in campo nel "Gruppo Becker" con i match Cilic-Sock alle 15 e Federer-Zverev alle 21.

Nei documenti sono anche presenti le frequenze da usare per comunicare con il presidente Gentiloni durante i viaggi all'estero, oltre che dettagli estremamente riservati sulle attività della Digos durante le manifestazioni pubbliche, ma anche targhe di auto ed assicurazioni di servizio.

Gli hacktivist, infatti, si sono limitati a pubblicare sul loro blog quello che definiscono un assaggio del materiale in loro possesso e che sembra provenire da una casella email di un funzionario della Polizia di Stato. "Nella giornata di abato, nel corso di un'attività di monitoraggio - hanno spiegato dal Dipartimento - la Polizia Postale ha immediatamente rilevato un attacco informatico portato a termine da hacker che si rifanno ad Anonymous".

Share