Auto volanti dal 2020: l'eclatante progetto di Uber

Share

Il servizio sarà competitivo nei prezzi. A parlare di macchine volanti, negli ultimi tempi, è stato Uber, il colosso che ha fatto venire il mal di pancia a tanti tassisti.

La differenza sul tempo di viaggio percorso via terra con Uber, a Los Angeles, e quello stimato per la stessa tratta con il servizio via cielo UberAIR.

ROMA Los Angeles, anno 2020: per andare da Hollywood a Beverly Hills o in qualche altro quartiere della metropoli si potrà cominciare a prendere un taxi volante. Il servizio si chiamerà UberAIR e rientra in quel progetto di aviazione della società chiamato 'Elevate'.

Twitter ufficializza i 280 caratteri per tutti
L'aspetto interessante evidenziato da Twitter però, è che l'ampliamento non ha reso gli utenti prolissi . Il messaggio era poi seguito da una lunga sequenza di caratteri senza senso.

Uber spera che il progetto UberAIR possa essere attuato anteriormente all'inizio dei Giochi olimpici di Los Angeles 2028. Assolutamente no. Lo ha assicurato proprio Uber, secondo cui una corsa totalmente elettrica, sfrecciando ad oltre 300 km/h a Los Angeles non costerà di più del servizio UberX, non ancora attivo in Italia. Quando il servizio sarà in pieno svolgimento, si prevede che "decine di migliaia" di voli saranno eseguiti ogni giorno in tutta la città. A quei livelli, tutto il tempo risparmiato avrà un impatto positivo sull'economia della regione'. Mentre questi ostacoli rimangono ancora oggi seppur ci siano molte compagnie al lavoro per superarli, e nonostante permangano molte domande su come funzioneranno i taxi volanti di Uber e su come le città si adegueranno a tale, rivoluzionaria, novità, è davvero difficile resistere alla prospettiva di utilizzare le auto volanti per spostarsi in città. E' per questo che da tempo pensa alle auto volanti. L'azienda ha inoltre collaborato con la NASA per sviluppare nuovi sistemi di gestione del traffico senza equipaggio che consentano un adeguato controllo del traffico aereo per gli aeromobili che volano a bassa quota in ambienti urbani.

Per rendere possibile il progetto, Uber ha anche siglato un accordo con Sandstone Properties, che metterà a disposizione alcuni dei suoi edifici situati in determinati punti della città, che verranno usati come zone di atterraggio.

'La tecnologia permetterà ai residenti di L.A. di volare letteralmente sul traffico storicamente cattivo della città.

Share