Catalogna, il Belgio arresterà Puigdemont ei suoi ministri

Share

Carles Puigdemont e i suoi 4 ministri, che si erano presentati spontaneamente dalla polizia giudiziari belgaa, sono stati accompagnati nella sede della procura di Bruxelles, dove aspettano di essere ascoltati dal magistrato. Ad annunciarlo Gilles Dejemeppe portavoce della Procura di Bruxelles durante una conferenza stampa.

Neonato morto trovato in un centro rifiuti nel Veneziano
Al momento si sa molto poco: ignoto il luogo di provenienza del sacchetto e la data in cui qualcuno si è disfatto del neonato . I carabinieri hanno fatto appello a chiunque possa aver visto qualcosa che potrebbe tornare utile alle indagini.

Nella giornata di sabato, Puigdemont ha utilizzato il suo account Twitter per dirsi "pronto a cooperare pienamente con la giustizia belga". I cinque dovrebbero ora essere portati davanti a un giudice istruttore, al quale spetterà decidere sul mandato di arresto europeo spiccato dalla Spagna. Ora la palla passa al giudice istruttore, che ascolterà i cinque separatamente e che entro 24 ore deciderà dovranno tornare in carcere. L'obiettivo di Rajoy è sbattere in cella Puigdemont prima del voto del 21 dicembre. Un'intervista a VTM, il vice premier belga ha dichiarato che il governo spagnolo "è andato troppo oltre" nella sua risposta alla sfida indipendentista della Catalogna. "Esiste la legge spagnola, ma anche la legge internazionale, la Convenzione europea sui diritti dell'uomo e altre cose". Bruxelles "cede" a Madrid: arrestato Carles Puigdemont Catalunya. 'Libertà per i prigionieri politici', 'Siamo una repubblica', recitano i manifesti di colore giallo che sono stati affissi alle fermate degli autobus, della metro, sulle facciate degli edifici che danno sulla piazza. "Sono cose successe in uno Stato europeo, mi chiedo cosa spetti l'Ue a pronunciarsi".

Share