Di molestie su una 17enne

Share

Washington - Anche Dustin Hoffman è stato accusato di molestie sessuali. La Hunter all'epoca aveva 17 anni e lavorava come semplice stagista.

Harvey Weinstein, Kevin Spacey e adesso pure Dustin Hoffman.

L'attore ha risposto all'articolo di Hunter con una dichiarazione di scuse. L'ultima è la scrittrice Anna Graham Hunter, che dalle pagine di Hollywood Reporter punta il dito contro il premio Oscar Dustin Hoffman.

Torino: bus potenziati per la Commemorazione dei Defunti
Mercoledì 1° novembre alle 10.00 nella chiesa del cimitero monumentale la Messa sarà celebrata dal cappellano don Paolo Baio. I cimiteri rurali, inoltre, posticiperanno la consueta chiusura settimanale del giovedì a venerdì 3 novembre.

In una lettera inviata dalla vittima a Hollywood Reporter, Hunter, che ricorda di essere stata "inizialmente lusingata" dalle avances, "ma poi, non più", denuncia che Dustin Hoffman "mi ha chiesto di fargli un massaggio ai piedi nel mio primo giorno di set, e io non l'ho fatto". Flertava chiaramente, mi toccò il fondo schiena, e parlò di sesso davanti a me. Nel suo camerino mi ha detto: "Vorrei un uovo sodo. e un clitoride alla coque". Il suo staff è scoppiato a ridere, io sono andata via senza parole. "Ho il massimo rispetto delle donne e trovo terribile che io possa aver fatto qualcosa che l'ha messa in una situazione sgradevole" ha chiarito l'attore alla rivista hollywoodiana. "Sono andata in bagno e ho pianto", racconta.

All'epoca, per tutte le cinque settimane di stage, Anna scriveva delle note che poi inviava alla sorella: "Oggi, mentre lo accompagnavo alla sua limousine, mi ha toccato il sedere quattro volte", recita uno di quei messaggi, "Ogni volta l'ho colpito, duramente, e gli ho detto che è un vecchio sporcaccione". Dopo il caso del noto produttore che ha messo sottosopra il mondo cinematografico a stelle e strisce, giungono nuove accuse di molestie su altri divi. La scrittrice ricorda anche di avere subito confidato quanto successo a un suo superiore che le rispose, però, di "sacrificare" alcuni dei suoi valori per il bene della produzione.

Share