Dieci anni dall'omicidio di Meredith, la sorella: "Nostre vite cambiate per sempre"

Share

Per il delitto sono stati accusati e poi assolti i due amici Amanda Knox e Raffaele Sollecito, che oggi tornano a parlare e lasciare dichiarazioni sulla vicenda. "O stanno forse dicendo che il caso è chiuso per sempre anche se irrisolto?". Ma ancora più deprimente è il fatto che Meredith oggi non sia qui, mentre meriterebbe di esserci. I protagonisti della storia, durata dieci anni, sono l'americana Amanda Knox, l'ingegnere pugliese Raffaele Sollecito e l'ivoriano Rudy Guede.

Diverso è il commento della sorella della vittima, Stephanie Kercher che si chiede: "Che fine ha fatto questo caso? Come possono capire coloro che hanno perso qualcuno di caro, o coloro che hanno vissuto la tragedia di perdere qualcuno in maniera così brutale, vi possiamo dire che il dolore e il senso di impotenza non si affievolisce mai". "È difficile darsi pace non sapendo esattamente cosa successe quella sera", ha scritto in una lunga lettera al legale della famiglia, l'avvocato Francesco Maresca. "Le mie memorie di Meredith sono sepolte sotto le orribili foto dell'autopsia, gli insulti verbali e le minacce di morte che ho ricevuto (e ancora ricevo), le false accuse, gli anni di carcere che ho sopportato, i processi multipli e i titoli spaventosi che sovrapponevano i nostri nomi e le nostre facce, ingiustamente, confondendo la sua morte con la mia identità", scrive. Ma la sorella di Meredith e la sua famiglia sono anche "per sempre grati al popolo italiano per il suo supporto e la sua bontà nel ricordare Mez".

Champions League, gruppo D - Barça e Juve più vicine alla qualificazione
Una vittoria gli permetterebbe di salire ad 8 punti , ad una lunghezza dai londinesi. Parte in sordina la squadra di Torino che passa in svantaggio dopo soli 22 minuti.

Nel suo post esprime il rammarico per l'ingiusta accusa e parla dei suoi sogni spezzati: "Progettavo di studiare game development in Irlanda, invece, dopo qualche giorno mi accusarono di un omicidio che neppure sognerei mai". "A prescindere da ciò che la gente pensa sulla colpevolezza o innocenza di Knox e Sollecito il giudice li ha assolti. Rudy Guede è stato condannato sulla base di non avere agito da solo, ma non essendoci nessun altro a processo o condannato, questo ci fa avere molte domande, a noi come famiglia e a chi sta seguendo il caso". Il nostro mondo è stato distrutto da ciò che si potrebbe definire come 'un'altra notizia di cronaca. "Nonostante ci si rattristi sempre per il numero crescente di morti che appaiono quotidianamente nei telegiornali - continua nella missiva la sorella di Meredith -, è comunque qualcosa che non penseresti mai ti possa accadere".

Share