Elezioni Sicilia, oggi si sceglie il Presidente della Regione

Share

Giancarlo Cancelleri, 42 anni, è il candidato del Movimento 5 Stelle. La corsa che vede almeno quattro candidati "forti" quasi certamente si tradurrà nell'arrivo all'Ars di tutti i candidati presenti nel listino. Il tribunale ha accolto il suo ricorso in via cautelativa e il Movimento ha deciso di non ripetere le votazioni. "Sappiate che questo è un referendum tra un mondo che si sta estinguendo e noi che guardiamo l'orizzonte", è l'appello anti-astensione che, dal blog, lancia Grillo rivolgendosi soprattutto ai giovani: "Con lo statuto speciale possiamo veramente cercare insieme a voi di cambiarla questa Sicilia". Le elezioni del presidente della Regione e dell'Assemblea regionale sono contestuali, entrambe a suffragio universale e diretto. Micari è sostenuto dal Partito democratico, da Alternativa popolare di Angelino Alfano, e dalle liste 'Sicilia Futura' e 'Micari Presidente'. È deputato e, dal 28 febbraio 2017, fa parte del gruppo parlamentare Articolo 1-Mdp.

Come riporta la stampa.it, in Italia è in vigore una legge che, al netto di modifiche successive, è datata 1956 che proibisce il divieto di propaganda attraverso radio, tv, comizi. Catanese, laureato in giurisprudenza, il candidato della sinistra è figlio del giornalista Pippo Fava, ucciso dalla mafia nel 1984. A completare la cinquina Roberto La Rosa per la formazione politica indipendentista Siciliani Liberi. I seggi apriranno domani mattina alle 8 per chiudere alle ore 22. Non sono previsti ballottaggi: vince chi prende più voti.

Il corpo elettorale è perfino diminuito rispetto al 2012 ultima elezione regionale, quella che sancì l'elezione di Rosario Crocetta.

Inter-Torino, Mihajlovic se la gioca col 4-3-3: le ultime
Torino (4-3-3): Sirigu ; De Silvestri , Moretti , N'Koulou, Ansaldi ; Rincon , Valdifiori, Baselli; Ljajic , Belotti , Iago Falque .

COME SI VOTA - Nei seggi l'elettore riceverà una scheda gialla, suddivisa in rettangoli, ognuno corrispondente a una lista provinciale. A destra, infine, è riportato il nome del candidato alla carica di presidente della Regione, affiancato dal relativo contrassegno. A tal fine i seggi sono attribuiti alle liste per le quali le divisioni della cifra elettorale di lista per il quoziente elettorale circoscrizionale hanno dato i maggiori resti. Se a essere segnato fosse soltanto il nome di un candidato alla presidenza, il voto andrà soltanto a quest'ultimo e non alle sue liste.

L'elettore potrà votare barrando il nome del candidato presidente e di una lista a lui collegata, con la possibilità di esprimere una preferenza tra gli aspiranti deputati della lista stessa; oppure potrà scegliere di votare un candidato presidente e barrare - con relativa preferenza - una lista a lui non collegata. Lo spoglio, invece, già dalle 8 di lunedì 6. Esercizio del diritto di voto: - la scheda è unica e l'elettore può esprimere due voti: uno per la lista regionale e uno per la lista provinciale - voto di preferenza: è possibile esprimere la preferenza per uno dei candidati inseriti nelle liste provinciali; - voto disgiunto: l'elettore può votare una lista regionale e una lista provinciale non collegate fra loro; - nel caso in cui l'elettore ometta di votare per una lista regionale, il voto validamente espresso per una lista provinciale si intende espresso anche a favore della lista regionale che risulta collegata con la lista provinciale votata.

Share