Italia ai Mondiali: il precedente della Jugoslavia e l'art.7

Share

L'Italia, quella del tifo calcistico, non si è rassegnata.

E se lo scetticismo tra le persone regna sovrano è pur vero che un precedente c'è. Vediamo come funziona il ripescaggio, chi decide, chi potrebbe essere a rischio e i precedenti. Di queste ipotesi hanno parlato Libero e Tuttosport, che hanno citato l'articolo 7 del regolamento ufficiale della Fifa. Infatti, l'articolo 7 del regolamento ufficiale Fifa prevede che: "Qualora un'associazione (delle 32 qualificate) si ritiri o sia esclusa dalla gara, il comitato organizzatore deciderà sulla questione a propria discrezione e prenderà qualsiasi azione ritenuta necessaria".

Se qualcuno ha già pensato a riorganizzare l'estate vista l'assenza della Nazionale ai Mondiali, farebbe bene ad aspettare. "Il comitato organizzatore della FIFA può in particolare decidere di sostituire l'associazione in questione con un'altra associazione". Questo è un fattore che racconta tanto del fallimento calcistico a cui siamo andati incontro ieri; i pochi calciatori italiani che giocano nelle squadre di club del nostro campionato spesso non scendono in campo o vengono inseriti a partita in corso per 30/20 minuti.

Banca Carige, salta il consorzio di garanzia per l'aumento di capitale
Male anche Banco Bpm (-2,34%), Bper (-1,69%) e Ubi l'1,38%, mentre Creval è congelata al ribasso (-3% teorico). Il titolo perde oltre il 60% e tenta di risalire con un'iniezione di 400 milioni.

Adesso, grazie alla pessima performance contro la Svezia - suvvia ragazzi, non accanitevi con l'Ikea dopo quello che è successo -, ci ritroviamo fuori ancora prima dell'inizio del grande torneo.

Ma perché una squadra dovrebbe rinunciare ai mondiali? Nello stesso girone, al secondo posto si era piazzata la Danimarca, che però non era riuscita a qualificarsi. Solitamente si rinuncia alla Coppa del mondo per una guerra o per pesanti questi sociali. Stati Uniti, Cile, Ghana e Olanda: tutte squadre di prestigio che da sempre hanno animato il calcio mondiale. L'unica 'speranza' (brutta definirla così dato che implicherebbe un evento negativo) per gli azzurri sarebbe il verificarsi di una situazione analoga in qualche paese dove ci sono delle situazioni non propriamente tranquille: occhio quindi a Corea del Sud, Nigeria, Iran, Arabia Saudita, Senegal e Egitto. Al suo posto venne ammessa la Danimarca, che incredibilmente riuscì poi a vincere il torneo.

Share