Messina da 16 mesi senza Garante per i diritti dell'Infanzia e Adolescenza

Share

Ricorre oggi, 20 novembre, la "Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza", giunta alla sua ventottesima edizione.

"Sono particolarmente grata-dice Katia Farrauto, Assessore alla Cultura e all'Istruzione- alle ragazze dei gruppi di animazione per l'assoluta disponibilità che dimostrano in ogni circostanza e ai volontari dell'Associazione GEZA che continuano ad offrire la loro collaborazione per tutte le iniziative che abbiamo organizzato". Parole dell'assessore Polledri. Risuona intanto l'eco di temi già sentiti ma mai scontati, come il diritto di giocare e il diritto all'ascolto.

Totò Riina è all'inferno. Ma ci è andato da "vincitore"
Quel "shhh" della figlia maggiore del boss pare qualcosa di più di un invito al cordoglio composto. Una certezza che non mitiga la tristezza nel constatare che in fondo, Riina , è morto da vincitore.

Oggi 20 novembre i ragazzi del Liceo "Publio Virgilio Marone" svolgeranno presso il "Pareo Park" di Giuliano un laboratorio di green pigotte, animando una biblioteca vivente sull'inclusione."Il mio nome è Inlakesh", questo il titolo dell'iniziativa degli studenti del Marone coadiuvati dai volontari Younicef e dai volontari del progetto di Servizio Civile Unicef "Cittadinanza attiva, ambiente e stili di vita". Due anni dopo - nel 1991 - anche in Italia è stata prevista la Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Bianco: "Un'iniziativa importante per sostenere con forza che i diritti dei bambini sono prioritari", Scialfa: "Una giornata di sole e di festa con i bimbi e le loro famiglie in una splendida Catania che si conferma città con uno spiccato senso civico" "Una giornata di sole e di festa in questa splendida Catania con 1.500 bambini che rappresentano vita, prospettiva, futuro". Una sintesi dei diritti dei bambini e delle bambine è invece quella riportata nella comunicazione della scuola La Tartaruga: il diritto di sperimentare, il diritto di essere ascoltato, il diritto allo stupore, il diritto alla propria originalità, il diritto ad una favola la giorno, il diritto alla bellezza e all'arte, il diritto al possibile e alla fantasia, il diritto al tempo, il diritto alla cura di una comunità, il diritto di aver diritto.

A seguire, l'intervento dello psicologo Salvatore Cannavà, che ha illustrato i principali diritti della Convenzione Onu, soffermandosi sulla necessità che siano riconosciuti a tutti i bambini del mondo e garantiti nei vari comuni attraverso l'istituzione della figura del Garante dell'infanzia. Il nostro è un invito, in questa giornata dedicata a bambini ed adolescenti, a non girarsi più dall'altra parte, indifferenti e sordi innanzi al bisogno d'aiuto dei piccoli.

Share