Milan, Bonucci: "Servono personalità e cattiveria. Siamo troppo scolastici"

Share

Sfogo contro i compagni: "lo spogliatoio del Milan non gradisce Per approfondire http://www.sportfair.it/2017/11/milan-bonucci-sfogo-spogliatoio/628729/" target="_blank">(era già successo dopo il pareggio con l'Aek Atene a San Siro in Europa League, clicca qui) di Leonardo Bonucci che ha accusato i compagni - specialmente quelli del reparto offensivo - di avere il 'braccino' non è proprio piaciuto. Di oggi prendiamo che a tratti abbiamo giocato alla pari, ma dall'altra parte sta mancando qualcosa con le grandi. Dobbiamo crescere in mentalità e cattiveria.

Bonucci ha poi aggiunto: "Sul secondo goal sono uscito su Zielinski perché pensavo che Mertens fosse in fuorigioco". Dobbiamo andare avanti e i risultati e le vittorie ci devono aiutare a darci la spinta. Ma anche lì è inutile piangerci addosso, quello che è stato fatto non si può cambiare, si può cambiare tutto quello che gira intorno il calcio italiano. Dare tutte le colpe al CT per la non qualificazione ai Mondiali è brutto: se non siamo andati in Russia è colpa di tutti.

Terrorismo, Viminale: espulsi due tunisini e un marocchino
Il 31enne è stato dunque fermato, trasferito nel Centro per rimpatri di Torino e rimpatriato ieri con una nave da Genova. Si tratta di Con quella di oggi salgono a 96 le espulsioni dall'inizio dell'anno , mentre sono 228 dall'inizio del 2015.

Queste le prime parole sul k.o. di questa sera: "Io sono sempre stato abituato a guardare le cose positivamente. Le colpe sono di tutti: noi giocatori siamo sempre stati a sua disposizione, ma abbiamo tralasciato i segnali negativi dal Mondiale del 2010". "Su Ancelotti? Parla la carriera, darebbe una grossa mano allo sviluppo del calcio Italiano, ma un grande CT può far poco se non cambiano le regole".

Share