Milan, Montella è carico: "Sono soddisfatto ma…"

Share

Non è certamente il tipo d'annata che Riccardo Montolivo sperava di vivere in rossonero, ancora di più se pensiamo che sullo sfondo ci sono i Mondiali, una rassegna che l'ex Fiorentina ha messo da tempo nel mirino.

Paulo Sousa e Mazzarri, per diversi motivi, non convincono e dunque, la scelta dovrebbe ricadere sul Campione del Mondo 2006. D'altronde solo le vittorie portano punti in campionato.

"Siamo qui ad Atene perché vogliamo consolidare il primo posto in classifica".

Sparatoria in un supermercato Walmart in Colorado, tre morti
Una persona sarebbe rimasta uccisa e ci sarebbe almeno un ferito. I primi colpi sono stati avvertiti alle 18,30 locali. La sparatoria ha scatenato il panico tra i clienti.

"Sono particolarmente sereno e non credo che questo mio stato d'animo sia frutto dell'incoscienza. Conosco i rischi del mestiere, sento una società che mi sostiene, ma che ha bisogno di risultati; così come ne ho bisogno io e la squadra".

"Il ciclo è partito a giugno, gli ultimi anni sono stati difficili, è stata fatta una rivoluzione, non ci aspettavamo queste difficoltà, ma poi i grandi cicli si ottengono nel momento in cui c'è reazione alle difficoltà. Sono convinto che Leonardo sia un valore aggiunto per il Milan di oggi e anche del domani". C'è un Milan che prova a reagire e un altro che resta deluso. L'unica cosa che devo fare è farmi trovare pronto e cercare di convincere l'allenatore che si sbaglia a non schierarmi. È normale che le critiche si concentrino sull'allenatore e forse sto gestendo meglio questo momento rispetto a quello dell'anno scorso perché quest'anno le critiche sono più giustificate. Partirà dalla panchina Suso, che ha avuto qualche piccolo acciacco fisico e che verrà inizialmente fatto riposare da Montella. L'Europa è la casa del Milan, ma la storia non va in campo. "Ma la storia non va in campo e quindi tocca a noi dimostrare di meritare di giocare in questa competizione". riproduzione riservata ®.

Share