Napoli, Mertens: "Sarri insegna calcio. In difficoltà senza Higuain" 10 18-11

Share

NAPOLI - "Avevo già giocato qui, con l'Utrcht". Una cosa che mi piace del suo gioco è il modo in cui organizza le fasi in cui noi abbiamo il possesso di palla e poi come struttura la pressione che facciamo sugli avversari nelle fasi in cui sono loro a giocare il pallone.

L'Attaccante belga ha così commentato: "Siamo da scudetto". Per vincere il campionato si devono incastrare più cose. È molto diverso il sentimento della gente di Napoli per il calcio e i suoi protagonisti rispetto a quello a cui ero abituato in Belgio. Essere brevilineo ti aiuta per saltare l'uomo, nell'uno contro uno, ma è un limite sui cross o in fase difensiva - ha dichiarato Mertens, che ha poi indicato il suo centravanti ideale - Ho giocato con Higuain e posso dire che è un fuoriclasse, per questo abbiamo avuto difficoltà quando è andato via. Quando un giocatore va oltre i 1000 minuti c'è il rischio che qualcuno si rompa. Napoli si stringe attorno ai giocatori della sua squadra, li fa sentire tutti napoletani da sempre. E poi ora sono felice, la mattina mi alzo, bevo il caffè e guardo il mare.

Leonardo da Vinci Painting Sold at Auction for Record-Breaking $450.3 Million
It was also more than twice the previous auction record - the $179.4m (£136.2m) paid in May 2015 for Picasso's Les Femmes D'Alger. Salvator Mundi at Christie's. "The excitement from the public for this work of art has been overwhelming and hugely heartening".

Corrado Saccone, ex preparatore atletico del Napoli, fortemente accostato al Milan di recente, è intervenuto nel corso di "Si Gonfia La Rete" rilasciando alcune dichiarazioni: "Sarà una bella partita che vivrò in modo particolare avendo io il cuore partenopeo". E' un allenatore che mi piace. E' vero che siamo stati sfortunati, che l'infortunio di Milik e adesso di Ghoulam non ci aiutano, come squadra. Il mio preferito è stato il gol contro la Fiorentina, nella partita che abbiamo giocato in casa. Mio fratello ha cinque anni più di me e giocava a calcio. "Ma può anche fare male, quando difende". Il dosaggio delle forze è una scelta, io sono per il tipo di gestione di Benitez. Su di lui grava la responsabilità del gol e fino a oggi non si è tirato indietro, soprattutto da quando Sarri a iniziato a schierarlo come prima punta.

Share