Pd, Renzi: "Sforzo unitario ma niente abiura"

Share

Matteo Renzi annuncia la svolta a sinistra alla direzione del Pd, la prima dopo il disastro delle elezioni regionali in Sicilia che ha, di fatto, messo ufficialmente in dubbio il suo ruolo di candidato premier e, sotto sotto, anche di segretario del partito. "A chi dice cancelliamo il passato e parliamo soltanto di futuro, dico che dobbiamo rivendicare con forza quello che abbiamo fatto", ha precisato. "Ci sono stati errori, ma le cose che sono state fatte hanno migliorato il Paese". Ovviamente la sfida - ha sottolineato Renzi - è il futuro e il futuro è una pagina totalmente bianca da scrivere e o la scriviamo noi o la destra e noi dovremo deciderci se essere capaci di continuare una storia di progresso o tornare ad una storia che sembrava chiusa 6 anni fa. "Chi abiura rispetto a ciò che abbiamo fatto non si rende conto della situazione in cui eravamo". "Il nostro obiettivo è essere il gruppo più numeroso in Parlamento, con la coalizione che faremo siamo già oggi avanti agli altri", assicura sondaggi riservati alla mano. Il movimento cinquestelle punta sul reddito di cittadinanza noi sulla riduzione delle tasse che deve partire dall'Irpef. E poi coinvolgere i radicali e l'ala più a sinistra come Campo Progressista, cercando di non mettere veti a Mdp: "vogliamo il dialogo a sinistra in primis con Cp, e vogliamo un confronto con Mdp, SI e Possibile" le sue parole.

Iraq, trovate fosse comuni dell'Isis con almeno 400 cadaveri
Alcune vittime indossavano abiti civili, altre la tuta che l'Is usa per i condannati a morte. Hawija è stata strappata ai jihadisti dalle truppe governative lo scorso ottobre.

"Sulla rivendicazione del passato non faremo alcun passo indietro. Chiedo a tutti di essere aiutato in questo percorso", ha concluso Renzi.

Share