Pensioni: stop all'aumento per 14.600 persone

Share

La proposta, si legge nell'intestazione, riguarda "i lavoratori addetti ad attività gravose" e "lo sviluppo della previdenza complementare, conseguenti al confronto tra governo e organizzazioni sindacali del 21 novembre".

Chi è impegnato in lavori gravosi sarà esonerato dall'aspettare i 67 anni per andare in pensione.

L'UEFA chiede altri documenti al Milan. Ceferin: "Sono preoccupato"
Non c'è giorno che non filtri qualche novità che, poi, si scopre essere fasulla. Il Voluntary agreement? A metà dicembre l'organismo competente si pronuncerà ".

Arriva come previsto al Senato l'emendamento sulle pensioni alla manovra presentato dal governo. Per quanto riguarda i costi, nel primo anno si prevedono 100 milioni, e un totale di quasi 385 milioni nel triennio fino al 2021, con effetti previsti al 2027 con lo stop di 20.900 lavoratori per 166,2 milioni di euro.

Effetto soft su scatto pensione del 2021 - Il primo scatto dell'età della pensione, calcolato in base alle nuove regole, potrebbe essere ancora meno brusco del previsto, per effetto di un meccanismo transitorio. Secondo quanto mostrato nel riepilogo degli oneri dal 2018 al 2027, il primo anno sono stati registrati effetti negativi per la finanza pubblica pari a 9,4 milioni, in salita a 121,9 nel 2019. Per tutti gli altri lavoratori, invece, l'aumento dell'età pensionabile rapportata all'innalzamento della speranza di vita rilevata dall'Istat entrerà in vigore nel gennaio del 2019 e un provvedimento ad hoc verrà emanato dal governo entro fine anno. Alle 11 già previste per l'Ape Social si aggiungono gli operai dell'agricoltura, della zootecnica e pesca; i pescatori dipendenti o soci di cooperativa; lavoratori del settore siderurgico di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature; marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed nelle acque interne. Si fissa poi "un limite massimo di tre mesi per ciascun adeguamento" successivo a quello atteso per il 2019, quindi dal 2021 in poi, "da riassorbire nell'ambito dell'adeguamento successivo qualora sia registrato un incremento superiore". L'eventuale riduzione della speranza di vita nel biennio di riferimento viene assorbita in riduzione dell'adeguamento successivo.

Share