Pensioni, tregua con i sindacati. Governo apre a ritocchi per i 'gravosi'

Share

Ma a parte questa apertura resta la contrarietà ad un intervento di revisione del meccanismo generalizzato, valido cioè per tutti, che dal 2019 porterà l'età per la pensione di vecchiaia a 67 anni.

Conferma del meccanismo dell'adeguamento dell'età pensionabile alle aspettative di vita ma via ad un tavolo tecnico e politico per esentare dall'automatismo le categorie di lavori gravosi previsti all'interno dell'Ape.

"Giovanna Martelli, deputata di Articolo 1 -Movimento democratico e Progressista e componente della commissione lavoro a Montecitorio, a proposito dell'incontro tra Governo e sindacati su pensioni e legge di Bilancio 2018, ha dichiarato:" Bene che il Presidente Gentiloni apra il prossimo 2 novembre il confronto con i sindacati sulle pensioni. "I temi della crescita, occupazione dei giovani e inclusione sociali sono i pilastri" della manovra.

Beyoncé è una leonessa, nel remake del Re leone
Il film, remake del grande classico del 1994, presenterà un team di doppiatori molto importanti. La Walt Disney annuncia che l'uscita nelle sale è prevista per il 19 giugno 2019.

"Abbiamo concordato che nel tavolo tecnico si considererà la possibilità di modificare e migliorare i meccanismi che attualmente determinano la cadenza di adeguamento dell'età pensionabile sotto il vincolo che eventuali modifiche non intacchino la sostenibilità del sistema previdenziale che è un pilastro fondamentale della sostenibilità finanziaria del paese". "E' una norma varata dai governi precedenti che è già stata attuata due volte in questi anni".

Le ultimissime novità sulle pensioni anticipate e lo stop dell'aspettativa di vita [VIDEO]giungono dal post incontro tenutosi oggi dalle 16:00 alle 18:30 circa tra #Governo e sindacati.

Dubbi provengono dalle sigle sindacali. Al tavolo di confronto erano presenti oltre a Padoan anche il premier Gentiloni ed i ministri Poletti, del lavoro, e Madia, della Pubblica amministrazione, per i sindacati invece hanno presenziato la leader della Cgil Susanna Camusso, ed i segretari generali della Cisl, Annamaria Furlan e della Uil Carmelo Barbagallo. "Non è solo una questione temporale, ma di sostanza - aggiunge - se i risparmi delle leggi del centrodestra e della Fornero devono essere garantiti all'infinito, allora lo spazio di discussione finisce per essere davvero molto poco". E insiste sulla questione dell'aspettativa di vita: "Non tutti i lavori sono uguali". Cauta apertura nei confronti del governo da parte dei sindacati.

Share