"Per stendere Renzi bisogna sparargli", polemiche sul titolo di Libero

Share

Tempesta in un bicchier d'acqua per un titolo infelice (perché equivoco nella forma ma furbo nella sostanza) apparso stamattina in prima pagina su "Libero", il giornale diretto da Vittorio Feltri.

"Ho scelto una metafora di uso comune: attribuire al mio titolo il valore di una minaccia significa essere analfabeti" dichiara il direttore di Libero Quotidiano Vittorio Feltri in merito alla polemica esplosa contro il titolo pubblicato dopo la partecipazione di Matteo Renzi a Ballarò: "Per stendere Renzi bisogna sparargli". "E poi - aggiunge - in un articolo non c'è solo il titolo: chi vuole capire meglio, legga il testo. E basta leggere il titolo per intero e i primi tre capoversi del pezzo per capire che Renzi è vittima del fuoco amico: 'Nel Pd goffi tentativi per liberarsene', è la sinistra che gli spara". "E' solo triste e intollerabile spazzatura...", ha scritto su Twitter il presidente del Senato Pietro Grasso.

La Federazione Nazionale della Stampa Italian (Fnsi): "Niente a che vedere con giornalismo o diritto di cronaca, è istigazione a odio e violenza".

Milan, Suso è fiducioso: "Il peggio è passato, ora siamo una squadra"
A riportare il post del calciatore spagnolo del Milan è la redazione di Tuttomercatoweb . Va sottolineato che l'approccio alla gara del Milan non è stato dei migliori.

- laura boldrini (@lauraboldrini) 8 novembre 2017MA RENZI SPIAZZA TUTTI... Eccole. Laura Boldrini: "Un titolo agghiacciante". Carlo Verna (OdG): "Libero su Renzi usa linguaggio irresponsabile". L'attacco è agli oppositori di Renzi, non al segretario Pd, sembrava cosi semplice e invece si è creata la solita bufera questa sì, inutile.

"Ciascuno fa i titoli che vuole - continua l'ex premier - ma non esagererei su cose che possono piacere o meno".

E Articolo 21, attraverso la sua presidente Barbara Scaramucci, rilancia "È ora di intervenire, dobbiamo fare qualcosa prima che si classifichi categoria giornalisti come istigatori all'odio". "Per me non è un problema", spiega dal treno del Pd.

Share