Reporter aggredito ad Ostia "Il naso rotto non ci ferma"

Share

E la telecamera della Rai ha ripreso tutto. I due sono addirittura stati rincorsi da Roberto Spada mentre questi impugnava una sorta di bastone ricurvo o spranga di ferro. "La pazienza ha un limite" ha scritto su Facebook Roberto Spada.

La Direzione distrettuale antimafia della Capitale ha aperto immediatamente una inchiesta. "Ho una frattura complessa al setto nasale".

"Perdonatemi.io comprendo e rispetto il lavoro di tutti. dopo un'ora e mezza di continuo 'non voglio rilasciare nessuna intervista'. entrava a forza in una associazione per soli soci. disturbando una sessione e spaventando mio figlio. voi che avreste fatto???" Immediata la condanna dell'episodio da parte dei più diversi schieramenti politici, che hanno espresso solidarietà alla troupe della Rai.

Maroni e l'autonomia: "Lasciateci le risorse, le spenderemo meglio"
Sono alcuni dei punti salienti delle affermazioni di Roberto Maroni , governatore della Lombardia, durante l'audizione presso la Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale a Roma.

Anche Giorgia Meloni presidente di Fratelli d'Italia esprime su Twitter solidarietà "Piena solidarietà di Fratelli d'Italia a Daniele Piervincenzi, Edoardo Anselmi e a tutta la redazione di Nemo per l'inaccettabile aggressione subita a Ostia". La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha convocato per sabato una manifestazione apartitica contro la violenza. Il 19 novembre centrodestra e Movimento 5 Stelle andranno al ballottaggio per la presidenza del comune di Ostia, precedentemente commissariato per mafia. E poi: "Giorgia Meloni ritiri quanto ha detto: ma come fa ad accettare i voti di CasaPound?". "Da anni - ha proseguito Galimberti - l'Unci invoca una presa di posizione del Parlamento e del Governo sull'insufficienza delle norme a tutela dell'integrità fisica, e prima ancora morale, dei cronisti impegnati a fare informazione seria e indipendente". Mancano quindi i presupposti previsti dal codice penale per l'arresto obbligatorio.

Roberto Spada è noto per essere componente di una delle famiglie più potenti di Ostia. Un atto di una gravità enorme. Quel signore merita la condanna, secondo la legge. In tali contesti, la presenza attiva di CasaPound può rappresentare un principio d'ordine rassicurante, anche per gli italiani del ceto medio impoverito che si sentono abbandonati. "Facciamo vedere a tutti di che pasta sono fatti i veri cittadini di Ostia".

Share