Spara a un migrante in un centro di accoglienza a Caserta: fermato

Share

Un cittadino del Gambia di 18 anni è stato ferito a colpi di arma da fuoco nella serata di venerdì 10 novembre a Gricignano di Aversa, in provincia di Caserta, da uno dei soci del Consorzio che gestisce il Centro d'Accoglienza Temporaneo dove era ospite il diciottenne.

Dalle prime ricostruzioni il migrante ospite, nelle ore precedenti, aveva dato fuoco, per protesta, alla sua stanza, causando l'evacuazione degli altri migranti alloggiati nello stabile interessato, e nel mentre s'interveniva con i Vigili del fuoco, uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea nella Regione Campania, identificato come Carmine Della Gatta , 43 anni, residente a Gricignano di Aversa a bordo di un'autovettura, dopo aver avuto un'animata discussione con il migrante Bobb Alagiee, gli ha esploso due colpi di arma da fuoco ferendolo alla bocca. Il gambiano, ieri, aveva dato vita ad una veemente protesta, dando fuoco alla sua stanza e costringendo gli altri 150 migranti a scappare all'esterno; il giovane - secondo quanto reso noto dalle forze di polizia - reclamava migliori condizioni di vita, in particolare chiedeva di aver internet e un vitto diverso, e piu' soldi per le proprie esigenze quotidiane. È stato fermato per tentato omicidio. I carabinieri, nei pressi del luogo della sparatoria, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro un'ogiva conficcata nell'asfalto. Intanto Alagiee è stato trasportato d'urgenza dai soccorsi, giunti immediatamente presso il centro "La Vela", presso l'ospedale civile di Aversa.

Call of Duty spinge Activision in vetta all'S&P 500
Di fatti raddoppiando il risultato ottenuto da Infinite Warfare , la cui accoglienza da parte dei giocatori fu abbastanza tiepida. Siete tra coloro che hanno già acquistato il nuovo capitolo dello sparatutto?

Gli accertamenti esperiti dai militari dell'Arma hanno consentito, anche grazie alle dichiarazioni rese da un testimone, di individuare, identificare e sottoporre a fermo l'attentatore. La successiva perquisizione nell'abitazione del fermato da parte dei carabinieri, ha permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro 4 fucili e 2 pistole tutti legalmente detenuti. In seguito il ragazzo è stato poi trasferito all'ospedale Cardarelli di Napoli, dove si trova in rianimazione e ricoverato in prognosi riservata.

Share