Terni, commemorazione dei defunti nel ricordo di Riccetti

Share

I defunti che si ricordano di noi, che accolgono le nostre preghiere e ricevono da noi il dono più bello: la fede in una vita che esce dai nostri sepolcri per volare in Paradiso e vivere la vita eterna, laddove la Divina Trinità ci aspetta per accoglierci nel suo abbraccio misericordioso. Dalle parole dell'eremita, il monaco di Cluny decise d'istituire la festa della commemorazione dei defunti, collocandola all'indomani della festa d'Ognissanti.

Pensioni, slitta l'aumento dell'età a 67 anni: posticipato di almeno sei mesi
Ai sindacati, che però sono in pressing su Palazzo Chigi per sospendere lo scatto dell'età, questa soluzione difficilmente potrebbe andar bene.

Ma il pensiero, come un fiore simbolico deposto sulla tomba, va anche alle vittime dei soprusi, delle guerre, del terrorismo e delle violenze, a chi fugge dall'odio, dalla fame e dalla miseria e trova la morte: questa è una giornata che ispira profonde riflessioni in cui i concetti di vita e di morte si fondono. Più avanti sarà Amalario a continuare sulla scia di Agostino fino ad arrivare a Sant'Odilone di Cluny. Per la ricorrenza dei defunti saranno celebrate inoltre delle Sante Messe nella chiesa dell'Ipogeo alle 9, alle 10, alle 11, alle 15 e alle 16. Come ogni anno, il giorno della festa di Tutti i Santi é dedicato principalmente alla commemorazione dei defunti, e i disagi rimangono sempre tali: la provincia iblea é irraggiungibile, almeno un'ora di fila dallo stabilimento per arrivare all'incrocio di Spinasanta, strada percorribile solitamente in cinque minuti. In Sicilia ad esempio, Palermo in particolar modo, si festeggia la giornata visitando si i cimiteri e partecipando alle funzioni religiose, ma ad esempio ai bambini vengono regalati dei doni. E ringraziano anche l'ufficio tecnico che si è impegnato affinché i lavori di ristrutturazione fossero completati entro le festività, insieme ai lavori straordinari richiesti dallo stesso assessore, quali la pitturazione bagni e dei muri di cinta del cimitero di Bitonto, nonché i lavori sul cancello d'ingresso del Cimitero di Mariotto. Non solo i classici "dolcetti" che lasciano i defunti ai bimbi che la sera prima hanno preparato per loro latte e biscotti, ma anche vere e proprie leggende che solcano il mare delle Eolie ad esempio.

Share