Veneto Banca, Consob: "Bankitalia non segnalò nessun problema"

Share

"Bankitalia non ci ha segnalato i problemi di Veneto Banca in vista dell'aumento di capitale del 2013", ha attaccato il dg Consob Angelo Apponi. Via Nazionale confermò che l'operazione era "strumentale a obiettivi previsti dal piano per effettuare eventuali acquisizioni coerenti con il modello strategico della banca salvaguardando liquidità e solidità", ha proseguito. E anche in questo il colpo è diretto: A seguito dell'ispezione effettuata da Bankitalia nel 2007, "la Consob - ha riferito Apponi in commissione - non ha ricevuto alcuna informazione sul prezzo delle azioni".

Il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha parlato di "drammatico teatrino" tra Consob e Bankitalia: "Ci mettono in difficoltà con la comunità internazionale".

Maroni e l'autonomia: "Lasciateci le risorse, le spenderemo meglio"
Sono alcuni dei punti salienti delle affermazioni di Roberto Maroni , governatore della Lombardia, durante l'audizione presso la Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale a Roma.

Dunque, all'epoca Consob non aveva indizi sufficienti per fare un'ispezione. Apponi ha quindi ribadito che "se avessimo avuto segnali di quella profondità avremmo reagito in maniera diversa". Bankitalia relazionò la Consob sulla situazione di Veneto Banca l'8 maggio 2013 "ma la lettera non mi sembra che segnalasse una sofferenza, anzi prevedeva un'acquisizione". Audizione in commissione del Dg Angelo Apponi.

Share