Android GO: Oreo arriva sugli entry level

Share

Sono tante le ottimizzazioni che Google ha implementato su questa nuova versione per aumentare le prestazioni. Ora il debutto è pronto e avverrà in contemporanea con il rilascio di Android Oreo 8.1 previsto per la giornata odierna.

Si è già parlato della Go Edition di Android Oreo, versione del sistema operativo mobile ottimizzata per l'esecuzione sui dispositivi di fascia bassa e con un comparto hardware dalle potenzialità limitate (da 512 MB a 1 GB di RAM).

Questa versione contiene una nuova dashboard da cui è possibile controllare i dati utilizzati e la memoria disponibile.

Sostanzialmente il concetto è il medesimo delle altre applicazioni Lite, ovvero cercare di ridurre al minimo il peso dell'applicazione facendo anche in modo che il consumo di RAM ed Internet sia ridotto all'osso ma allo stesso tempo garantire una esperienza utente completa in ogni sua parte.

Manchester City, Guardiola conforta il Napoli: "Siamo qui per vincere"
Foden è un giovane centrocampista inglese, molto promettente, che potrebbe proprio giocare a centrocampo in assenza dei due mostri sacri.

Google Go: Una versione più leggera della ricerca google che supporterà comunque la ricerca in due lingue, e il caricamento non sincronizzato delle pagine.

Tutti i device con un GB di RAM o meno avranno Android GO attivato di Default se aggiornati ad Android 8.1 Oreo, ed i primi device con Android GO nativo, saranno commercializzati nei prossimi mesi. Tra i più fastidiosi in assoluto ci sono i sistemi che affittano agli inserzionisti una componente strategica del telefono: la schermata di blocco.

Files Go: Che non è altro che un file manager con funzioni basilari più la possibilità di cancellare ciclicamente i file temporanei.

Share