Bambino di 1 anno e mezzo in rianimazione per l'hashish

Share

Un bimbo di 20 mesi, intossicato dall'hashish, è stato ricoverato sabato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Buzzi di Milano. Sabato pomeriggio i genitori hanno portato il piccolo da Sesto San Giovanni, città in cui la famiglia risiede, all'ospedale Vittorio Buzzi di Milano. Nella giornata di domenica è emerso come il bambino di otto mesi fosse effetto da intossicazione di Thc, il principio attivo dell'hashish. Il padre, egiziano, sarebbe un consumatore abituale al contrario della madre, una romena con alcuni precedenti per furto. I genitori del bambino si sono difesi dicendo che il piccolo ha probabilmente ingerito un pezzo di hashish lasciato nel parco vicino casa, ma è una versione poco convincente.

Gli agenti sono giunti in ospedale, allertati proprio dai sanitari, ed hanno effettuato i test antidroga sui genitori: negativa la mamma, positivo il padre.

Ancelotti: "Non voglio allenare la Nazionale. Mi piacerebbe tornare in Italia"
Tornare ad allenare in Italia? "Manca qualità? Allora servono i vivai da rimodellare, se c'è altro allora cambiamo il tutto". La Federazione deve essere predominante rispetto ai club. "Non ho avuto contatti con Tavecchio, ma con altri esponenti".

I medici hanno capito immediatamente che la situazione era grave (ieri fortunatamente le sue condizioni sono migliorate), lo hanno ricoverato in rianimazione e hanno fatto tutti gli accertamenti. Sulla base di queste motivazioni i medici del reparto pediatrico del Vittorio Buzzi di Milano hanno deciso di denunciare la cosa alla polizia che ha deciso di aprire un fascicolo di indagini.

Share