Bollette luce e gas, arriva il salasso

Share

Dal 1 gennaio #2018 ci saranno aumenti per le bollette di luce e gas a causa di una serie di fattori che, per entrambe le forniture energetiche, hanno portato a incrementi di prezzo all'ingrosso che si ripercuoteranno dunque sui costi finali in bolletta per gli utenti classificati come piccoli consumatori e famiglie (parliamo infatti di utenze domestiche in questo articolo). Una stangata complessiva pari a 79 euro. "Si tratta di tasse occulte che andrebbero invece addossate alla fiscalità generale", afferma l'esperto del settore energia dell'associazione, Pieraldo Isolani. E di stangata parla anche l'Adusbef, il cui Osservatorio ha prontamente aggiornato a 980 euro l'impatto stimato per ogni famiglia degli aumenti tariffari e dei prezzi previsti per il 2018, dall'alimentazione ai trasporti.

Volge al termine la XVII legislatura: oggi il discorso del premier Gentiloni
La crescita italiana "ha preso un buon ritmo" e oggi viaggia "al doppio delle previsioni di un anno fa". Siamo indietro rispetto alla media dell'Eurozona, ma il fanalino di coda non siamo più noi.

I rincari per le bollette di luce e gas comunicati dall'Autorità per l'energia comporteranno "nel dettaglio, per l'elettricità la spesa (al lordo delle tasse) per la famiglia-tipo nell'anno compreso tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018 di circa 535 euro, con un aumento del +7,5% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente (1° aprile 2016 - 31 marzo 2017) corrispondente ad un aumento di circa 37 euro l'anno". L'Autorithy dell'energia sottolinea che per l'elettricità per l'elettricità è stato decisivo l'incremento dei prezzi all'ingrosso e dei costi per adeguatezza e sicurezza mentre per il gas arriva il previsto effetto invernale. Oltre a un aumento legato alla componente del dispacciamento e a maggiori oneri per le risorse interrompibili e di sistema, questi ultimi dovuti al rafforzamento delle agevolazioni per le imprese energivore, che prenderanno il via il 1° gennaio come annunciato mercoledì scorso dal Mise. Una spiegazione che a Emiliano Viafora, presidente di Federconsumatori, non basta: "Per quanto riguarda il gas, l'aumento nel periodo invernale è un fatto consolidato, sul quale è giunto il momento di indagare meglio".

Share