Inter, Spalletti stoppa il mercato: "Siamo a posto così"

Share

Luciano Spalletti cambierà sicuramente qualche giocatore rispetto alla sconfitta contro l'Udinese, anche per necessità, ma è ancora incerto l'undici che scenderà in campo al Mapei Stadium. Ci sarà bisogno di tutti " Questo lo abbiamo sempre detto, bisognerà tenere conto delle fatiche. Il problema è avere stadi e campi corretti, che le famiglia possano esprimere tutta la loro passione. Ci sono dei tempi, adesso si preparerà un programma con le cose che faremo. Quando avverrà valuteremo. Si prende atto del fatto che qualcuno possa venire a chiedere di giocare di più. All'interno quando ci diciamo le cose quello conta e noi ci siamo detti di poter ambire a queste posizioni e non è facile. Ha però valore ciò che vedo quotidianamente.

AVVERSARIE - "Ci sono diverse squadre forti, di livello alto, che avevano un obiettivo e magari può succedere il contrario". Poi è chiaro che Skriniar lo vogliano tutti, gioca ogni contrasto come se la sua vita dipendesse da quel contrasto. Cercavamo giusta rotta e ora ci stiamo camminando sopra. "Per il resto i ragazzi sappiano che in campo non ci sono via di fuga, bisogna solo vincere". Per me le presenze non fanno classifica. Penso all'affluenza negli stadi, giocare con il ghiaccio e con il freddo, penso al meteo, alla neve, ma se ci sono gli stadi riscaldati, la gente sta comoda, ha voglia di vedere uno spettacolo, si può anche giocare a mezzogiorno e mezzo dei 25. Questo deve essere il nostro riferimento. Continuità di ruolo, alla quale ha fatto seguito una maggior continuità di rendimento, anche se l'ultima prestazione con l'Udinese ha confermato che gli alti e bassi fanno sempre parte del suo portafoglio. Le intenzioni di Ausilio e Sabatini sono chiare, regalare a Spalletti un nuovo trequartista a gennaio o al più tardi a giugno: se Joao Mario resta il principale candidato per una cessione nel breve periodo, l'arrivo di un nuovo competitor potrebbe convincere i nerazzurri a privarsi anche di Brozovic nelle prossime due finestre. "Probabilmente la società ha la stessa volontà mia di rendere partecipi i propri tifosi".

Juventus-Genoa, Allegri: "Complimenti ai ragazzi. Dybala ha fatto una buona prestazione"
Al 10′ l'arbitro assegna ai bianconeri una punizione da posizione invitante per Paulo Dybala , che però spara sulla barriera. Tutti ci aspettavamo una prestazione che potesse cancellare le ultime brutte apparizioni e così è stato.

C'è un documento che accompagna il bond in cui si spiega del governo cinese. Qualcosa è cambiato, siamo partiti con delle previsioni e poi abbiamo dovuto sterzare, ma ai primi problemi non ci si può tirare indietro. Comunque nel primo tempo nulla mi faceva pensare ad una sconfitta, poi abbiamo fatto errori in difesa che sono convinto non succederanno, nelle sedici partite precedenti non c'erano mai stati. Tutto quello che troveremo davanti lo andremo ad affrontare, poi da ultimo faremo le dovute considerazioni su tutto. Io so benissimo che la società può avere ambizioni e limiti, di volta in volta prenderemo in esame tutto quello che capita. "Non ci saranno budget importanti da investire, stiamo attenti a fare bene la nostra professione, a tirare fuori il meglio da tutti noi, consapevoli della nostra forza, che ci aiuterà ad arrivare dove vogliamo arrivare". È una squadra interessante e intrigante quella dell'Inter.

Share