IPhone lenti? Apple ammette i rallentamenti, ma per buoni motivi

Share

"E' vero, rallentiamo i vecchi iPhone, ma lo facciamo per evitare problemi con le vecchie batterie e prolungare la vita dei dispositivi": l'ammissione arriva direttamente da Apple. In questo caso dunque Apple si difende dalle accuse dichiarando come il tutto cerca di aiutare a mantenere ancora "buono" lo smartphone datato e a non permettere ad attività che necessitano di elevati valori di picco di corrente di prelevarla dalla batteria che non riuscirebbe a supportarla.

Apple conferma il rallentamento degli iPhone nei quali sono presenti batterie esaurite o difettose.

Il cambiamento sarà radicale perché si passerà dall'avere due strumenti di sviluppo per due applicazioni (iOS con iPhone e iPad e Mac OS per computer Mac) a un'unica soluzione che consentirà da un lato di avere un negozio virtuale più ricco per quanto riguarda la parte Mac OS e dall'altro applicazioni sempre più aggiornate, al contrario di quanto avviene in questo momento con aggiornamenti che si susseguono per iOS ma non per la controparte desktop. Secondo Poole Apple abbassava le performance della Cpu o dei processori dopo che le batterie avevano raggiunto un certo numero di cicli di ricarica.

Antonia Klugmann, cucina è un luogo di grande libertà
Domani , giovedì 21 dicembre 2017, riparte l'avventura di MasterChef Italia con grandi novità, a partire da una new entry tra i giudici . "Non hanno fatto grandi acquisti sul mercato, ma sono lì".

John Poole, fondatore di Primate Labs, ha creato un grafico tra la salute della batteria e le prestazioni dell'iPhone.

In presenza di operazioni complesse da svolgere, i nuovi algoritmi ridistribuivano il carico di lavoro del processore lungo un lasso di tempo maggiore, dandogli così il tempo di eseguire i propri calcoli senza dover mostrare i muscoli e richiedere di conseguenza troppa energia a una batteria che poteva altrimenti mollare il colpo. Si è invece atteso addirittura più di un anno per rendere pubblica tale dichiarazione e soprattutto solo grazie ad alcuni utenti che hanno percepito come i loro iPhone, a causa di aggiornamenti ultimi, avessero di fatto ottenuto lo spegnimento di qualche core "comandato dall'alto". Le batterie al litio diventano meno performanti in condizioni di temperature fredde, quando hanno una carica bassa e quando invecchiano, elemento che può portare a spegnimenti improvvisi per proteggere i componenti. Tramite aggiornamento software Apple ha introdotto un limite di clock piu' basso per la CPU per impedire che il telefono si riavvii all'improvviso. Lo scorso anno abbiamo diffuso una funzionalità per iPhone 6, iPhone 6s e iPhone SE per attenuare i picchi improvvisi quando è necessario evitare che il dispositivo si spenga in modo inatteso. Quest'anno, con il rilascio di iOS 11.2, tale funzione è stata inserita anche su iPhone 7 e 7 Plus, gli smartphone presentati da Apple nella seconda metà del 2016.

Parliamo di una pratica ben lontana dalla cosiddetta obsolescenza programmata, in quanto servirebbe piuttosto a "salvaguardare la specie" e le delicatissime batterie di questi ingegnosi apparecchi.

Share