Mertens: "Dobbiamo ritrovare il nostro gioco e fare goal. Non sono stanco"

Share

Le mie condizioni? Sto bene, è vero che non segno da quattro partite, purtroppo. È vero che qualche volta è più semplice riposare per una partita, ma ora voglio giocare. Vogliamo pensare a noi, dobbiamo vincere, non mi aspetto una partita facile. Dobbiamo solo ritrovare il nostro gioco migliore. Non mi sento leader, giochiamo in 11, e nemmeno perché siamo in 25 a voler fare bene. "Questa gara non ha nulla a che fare con quella di campionato, mi piacerebbe passare con un pizzico di culo e rendere il mio gruppo l'unico a passare due volte consecutive il girone nella storia del Napoli". "Come ho detto prima la qualificazione al Napoli darebbe un record storico, la possibilità di accedere agli Ottavi per il secondo anno di fila".

Dries Mertens ha risposto alle domande dei cronisti presenti a Rotterdam per la conferenza stampa di presentazione di Feyenoord-Napoli.

"Viene tutta la mia famiglia, è bello parlare di nuovo la mia lingua. Dobbiamo riprendere a vincere, questa è la cosa più importante".

Arriva su Netflix "Altered Carbon", una nuova serie fantascientifica
Assieme alla data sono state pubblicate le prime immagini, fra cui un trailer che si può vedere qui sopra. Ma le indagini riveleranno a Kovacs lati oscuri che egli stesso ignorava.

Cosa ti aspetti dal Manchester City? "Per me è sempre bello giocare in questo stadio".

Sul rinnovo di Ghoulam: "Sono felice, è un amico mio ed è già un po' che sta qui". Che segnale è per voi il rinnovo di Ghoulam?

Sull'assenza di Insigne. "E' sempre difficile quando perdi uno così, Lorenzo è un grande giocatore e manca sempre ma abbiamo un grande gruppo ed è il momento di farlo vedere". "Peccato per l'infortunio ma farà una grande carriera". "E difficile che il City possa battere lo Shakhtar perché lintensità della squadra di Guardiola potrebbe essere minore, ma mi fido della cultura del calcio inglese e anche delle riserve del City". Noi vogliamo fare bene e vincere, anche per venerdì che fa ancora un po' male a tutti. "Domani ci sarà la sfida e questo ci dirà se siamo grandi o no, i grandi cadono e si rialzano".

Share