Ministro Orlando: "La Commissione banche è stata un errore"

Share

Al centro degli attacchi nell'agenda politica italiana, Boschi dichiara davanti alle telecamere del programma "Otto e mezzo" la sua versione: "Ho incontrato il presidente (Giuseppe) Vegas all'inizio del mio mandato come ministro, come ho incontrato tutte le altre authority". Un allarme che spiega anche la 'batteria' di comunicati e tweet arrivati dai parlamentari piu' in vista, a cominciare dal tesoriere, Bonifazi, per continuare con il senatore Andrea Marcucci fino ad arrivare allo stesso Renzi. Vegas, in audizione in Commissione, ha infatti spiegato di avere incontrato Boschi in almeno una occasione e che, durante il colloquio, l'allora ministro per i Rapporti con il Parlamento gli aveva manifestato la propria preoccupazione per lo stato di banca Etruria e per la possibilita' che questa venisse assorbita da Popolare Vicenza. Di qui la richiesta delle opposizioni che leggono le parole della sottosegretaria come un tentativo di esercitare "pressioni" su una autorita' di garanzia come Consob.E attorno alla parola "pressioni" si consuma lo scontro tra Pd e opposizioni.

OBIETTIVO NAPOLI - Gli azzurri sfruttano bene i limiti del Torino
Marek Hamsik dopo 11 anni di onorata militanza all'ombra del Vesuvio fa 115, evolvendosi in MaradHamsik, nuovo re di Napoli . Al 14' Mertens prova a sbloccarsi con un destro a giro velenoso che si perde di un soffio sul fondo.

Mi sembrò inusuale, visto che non avevamo un rapporto di confidenza, e gli dissi che avrei preferito vederci al ministero o alla Consob. È vero, c'è stato un incontro. Chi ha sbagliato su Banca Etruria deve pagare, ma questo vale su tutte le banche - aggiunge Renzi, che sull'ipotesi di dimissioni della Boschi taglia corto - a Gennaio gli organi del partito decideranno. Ma l'ex Premier interviene anche sulla Commissione Banche, "è un bene per il Paese - dice - perchè mostra con chiarezza che in un mondo in cui qualcuno ha rubato, chi dovrebbe vigilare avrebbe dovuto farlo meglio". E il gruppo dirigente non è altro che Matteo Renzi e il suo Giglio Magico, descritto "arroccato" e "distante" dal resto del partito. "Recentemente gli ho scritto due lettere ma non ho mai ricevuto risposta".

Share