"Picchiata da un attore sul set", la rivelazione choc di Anna Mazzamauro

Share

La signorina Anna Silvani, la collega vamp di cui Fantozzi era perdutamente innamorato, la protagonista disperata di La voce umana di Cocteau, l'impiegato frustrato del Diario di un pazzo di Gogol rivisto e adattato per lei, ha raccontato la traumatica esperienza sul set di "Poveri ma ricchissimi". La Mazzamauro inoltre, dopo questo episodio, aveva deciso di non partecipare al sequel della pellicola, ma alla fine ha ceduto ottenendo in cambio un compenso più alto e la scritta più in grande del suo nome sui manifesti del film. Un #film che, riproponendo una tematica cara alla tradizione del #Cinema comico italiano, si pone come un prodotto di puro e semplice intrattenimento, accompagnato da una grande dose di risate e gag esilaranti, senza però disdegnare del tutto il tentativo di descrivere la realtà che ci circonda e più precisamente il contesto della nobiltà ai giorni nostri. Che senza dire nulla mi ha strattonata e picchiata sull'orecchio. "Mi è stato lacerato il menisco dell'orecchio e, da allora, quando sono in casa e non devo recitare sono costretta a portare il bite, una sorta di apparecchio in bocca", ha poi rivelato, sostenendo che l'intera scena è stata ripresa dalla cinepresa. La scena è stata ben visibile a tutti, compreso il regista: "Brizzi mi è stato molto vicino - ha assicurato la Mazzamauro - I rappresentanti della produzione mi hanno pregato di non far uscire la notizia per non danneggiare il film". Mi rispose che, stando dietro la porta l'avrei capito da sola. Una volta entrata in scena ho detto la mia battuta" - prosegue l'attrice - "Si è sovrapposta a quella di un attore. "E, se non gli avessi creduto, avrebbe mandato amici suoi a convincermi".

Anna Mazzamauro attrice italiana è nata a Roma il 1° Dicembre 1938 sotto il segno zodiacale del Sagittario, è alta un metro e settantacinque centimetri ed ha capelli rossi ed occhi castani.

Milan, Fassone: "A Verona vissuta un'umiliazione"
Ho chiesto ad Han Li che è qui in Italia da quindci giorni di fare una riunione e spiegare il loro punto di vista su questa cosa. Avremo sanzioni per aver sforato il Fair Play Finanziario nelle ultime tre stagioni in cui noi non c'eravamo.

Per paura l'attrice 79enne non ha denunciato, ma si è sentita umiliata non avendo ricevuto - a quanto pare - neanche una telefonata di scuse da parte della produzione del film. Ho accettato. Ma ho fatto male. È stato difficile tornare sul set e lavorare con quell'attore con il quale non ho più scambiato una parola. Per fortuna Christian De Sica mi consolava.

Share