Pornostar trovata morta, "accusata di omofobia"

Share

I medici non hanno ancora ufficializzato le cause della sua morte, ma nessuno tra i conoscenti mette in dubbio che la celebre pornostar canadese August Ames, al secolo Mercedes Grabowski, si sia suicidata.

Voluntary Agreement bocciato: stangata dell'UEFA sul Milan
In teoria, chi non rispetta i vincoli del fair play Uefa rischia una serie di conseguenze che vanno dalle multe all'esclusione dalle coppe .

L'hanno trovata senza vita, riversa sul pavimento della sua casa a Camarillo, in California. La stampa americana ipotizza che l'attrice possa aver messo fine alla sua vita soprattutto dopo le recenti accuse online di omofobia. Agli Oscar del porno del 2015, gli AVN Awards, era stata nominata come "Miglior nuova starlet". A iniziare sono stati i colleghi, uomini e donne, che l'hanno accusata di omofobia: "È la donna più stupida che abbia mai incontrato nei miei 15 anni nel settore". "Non metto in pericolo il mio corpo. Non so cosa fanno nella loro vita privata". "Puoi chiedere un preservativo, dunque non c'è assolutamente alcun motivo per discriminare". "Chiedi scusa o ingoia cianuro", ha scritto un altro. August, che in passato aveva dichiarato di soffrire di depressione, ha tentato di giustificarsi, ma invano: "Non sono omofoba - ha scritto l'attrice -". I parenti e tanti colleghi sono rimasti scioccati: "Era la persona più gentile che abbia mai conosciuto e per me era tutto".

Share