Pos, ridotte le commissioni interbancarie: multe a chi non accetterà i pagamenti

Share

Il nostro Paese si mette in linea con l'Unione europea circa la riduzione delle commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici come bancomat e carte di credito. Ieri il varo della direttiva PSD2 sulle commissioni interbancarie, ha introdotto novità importanti sul fronte della concorrenza e della tutela dei consumatori.

I limiti alle commissioni non devono superare lo 0,2% in caso di pagamento con il bancomat e dello 0,3% se si utilizzano le carte di credito.

Tuttavia in relazione a tale provvedimento, rimane ancora tanto scetticismo soprattutto da parte delle associazioni dei commercianti che non vedono tagli diretti per chi fa azienda. Il taglio delle commissioni interbancarie sarà effettivo da aprile 2018 e sarà valido per tutti i pagamenti al di sotto dei 5 euro proprio per promuovere l'utilizzo della carta per i mini pagamenti. Confermato anche il divieto di surcharge, ossia il divieto di applicare un sovrapprezzo per l'utilizzo di un determinato strumento di pagamento.

Facebook: rivoluzione ricavi pubblicitari, addio Irlanda
Ogni paese è unico e vogliamo essere sicuri di realizzare questo cambiamento in modo corretto - spiega ancoraWehner -. Si tratta di un grande impegno, che richiederà risorse significative per poter essere attuato in tutto il mondo.

"Confcommercio - prosegue la nota - ribadisce che se l'obiettivo è quello di diffondere sempre di più l'uso di questi strumenti di pagamento, la via non è certo quella di prevedere misure ingiuste e penalizzanti. Occorre intervenire sulla riduzione delle commissioni applicate dalle banche alle imprese che restano ancora troppo elevate e che, nel caso di pagamenti di piccoli importi e per alcuni settori in particolare, come distributori di carburante, tabaccai, giornalai, assorbono molto spesso i margini di profitto degli imprenditori".

Confcommercio reagisce così: "Sul tema della diffusione dei pagamenti elettronici troppi luoghi comuni e facili strumentalizzazioni".

Confcommercio ricorda che in Italia il numero dei Pos installati è di 2,2 milioni, rispetto a 1,5 milioni in Francia e a 1,2 milioni in Germania, con un incremento di circa il 60% negli ultimi cinque anni.

Share