Roma, De Rossi critico: "Spalletti? Qualche casino lo fece, soprattutto con Totti"

Share

Ho chiesto scusa, di più non posso fare. Queste le parole sulla sfida di domani: "Questa partita non si prepara diversamente da un derby o da un Roma-Juve, sono partite importanti in cui devi vincere e aggredire. Se fossimo partiti così un anno fa saremmo stati capolista nella prima parte". Sono molto legato a lui. "Non mi ricordo un girone così, sarebbe una bella immagine da esportare in Europa".

"La Champions mi ha regalato grandi serate di gioia, ma anche grosse e cocenti delusioni". Ero a casa quando lo hanno esposto perché squalificato e non potevo entrare negli spogliatoi, ma sono stato felice.

"Grande Fratello Vip": Daniele Bossari è il vincitore della seconda edizione!
Solo qualche anticipazioni ma almeno la conferma che Damante è pronto davvero per fare il grande passo. Penultima eliminazione: a uscire è Ivana , che lascia Luca e Daniele al ballottaggio finale .

Non manca un riferimento alla vicenda che ha tenuto banco nella Capitale quando c'era l'attuale tecnico dell'Inter: "Spalletti qualche casino a Roma lo ha fatto l'anno scorso, lo sapete c'era un clima particolare con Francesco (Totti, ndr) e ne abbiamo risentito un po' tutti, ma quando ho detto quelle cose ci tenevo a puntualizzare la bontà del suo lavoro".

Sullo scudetto: "Dire che non smetto finché non vinciamo lo scudetto sarebbe da folli". Io spero di vincerlo il più presto possibile, e sicuramente se vedessi che non c'è proprio possibilità di vincerlo magari avrei già smesso, sarei già da un'altra parte a fare un'altra esperienza. Ho sempre detto che vorrei smettere prima di iniziare a non farcela più, a non divertirmi più. "Sinceramente quest'anno mi diverto, sto bene". All'indomani del fattaccio di Genova il pubblico romanista si è diviso: qualcuno non lo ha perdonato, soprattutto ricordando i precedenti che lo riguardano. Il futuro immediato lo costruiamo domani sera, mentre per fare uno stadio ci vogliono 3-4 anni. Avevamo un bel rapporto, prima che se ne andasse nel 2009.

Share