Roma, Di Francesco perdona De Rossi: "Ha sbagliato, ma non va abbandonato"

Share

Di Francesco, allenatore della Roma, parla alla vigilia della partita casalinga con la Spal e del big match Napoli-Juventus. La prima cosa che ho fatto è dargli uno schiaffo come quello che ha dato lui a Lapadula. Di Francesco coglie l'assist di Totti e rilancia la candidatura di Tommasi e Montella rispettivamente per la presidenza della Figc e la panchina dell'Italia: "Anch'io voto per loro". La Roma con l'1-1 di Marassi ha visto interrompersi una striscia di 5 successi consecutivi: vittoria che manca alla Spal dal 29 ottobre, proprio ai danni del Genoa, poi due pareggi con Atalanta e Fiorentina.

Edin Dzeko non segna da sette partite in campionato: il digiuno più lungo con la Roma da febbraio 2016 (otto partite di Serie A). Si devono mettere da parte certe cose, e serve il sostegno di tutti. Sono contento che si sia allenato con continuità e senza problemi, le sue qualità le consociamo. Pagherà le conseguenze e poi ripartiremo da zero, lui ha bisogno di sentire l'appoggio della gente.

Under sembrerebbe essere sparito dai radar. Non invidio nessuno, ma lavorare con lo stesso gruppo per tanto tempo porta dei vantaggi, anche il mio Sassuolo è cresciuto molto nel corso degli anni.

Elezioni, Di Maio: Osce pronta a monitorare
Luigi Di Maio e la responsabile della comunicazione dei parlamentari 5Stelle alla Camera, Silvia Virgulti , erano legati da tre anni .

Negli ultimi due giorni Nainggolan e Perotti hanno svolto lavoro individuale. Nainggolan non verrà convocato per un affaticamento. Bisogna avere rispetto però per la Spal, che ha giocato bene anche col Chievo e meritava di più. Di Francesco farà turnover prima della Champions e spera di poter collaudare la nuova Roma che comprende Schick ma non cambia faccia: "Non sono più integralista, questo l'abbiamo assodato".

La Roma si affida a Gonalons, Pellegrini e Cengiz dal primo minuto, Dzeko in avanti. Infine una battuta sul giovane Pellegrini: "È un '96 e i giovani vanno supportati, non messi alla gogna".

Sono diversi le soluzioni che si porteranno in panchina Eusebio Di Francesco e Leonardo Semplici in panchina per la gara Roma-Spal. "Quando qualcosa va bene, cambiarlo mi sembra assurdo e sbagliato", risponde il tecnico, a chi gli chiede se quando Schick scenderà in campo effettuerà un cambio di modulo: "La presenza di Schick non dovrà stravolgere tutto. E' un valore aggiunto in tutte le zone del campo perchè può giocare sia al centro dell'attacco che a supporto del centravanti".

Share