Tre chili di cocaina dalla Calabria In due finiscono in manette

Share

Favazza e Cavallaro, presenti all'esecuzione dell'attività di p.g. sono stati dichiarati in stato di arresto.

I due pregiudicati dovranno rispondere di trasporto e detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

A seguito di attività info-investigativa, il personale della Squadra Mobile Sezione "Antidroga" ha appreso che nel tardo pomeriggio del 2 dicembre scorso sarebbero giunti in città due autovetture, entrambi provenienti dalla Calabria, rispettivamente una Fiat Panda di colore giallo, ed una Fiat Tipo di colore grigio con a bordo una donna, all'interno della quale era stato occultato lo stupefacente.

La Fiat Panda è stata individuata dopo diverse ore con a bordo Cavallaro, seguita a distanza dall'altra vettura con a bordo una donna e Favazza.

Champions, avanzano Juventus e Roma
La Allegri band potrebbe pescare una tra Paris Saint-Germain, Manchester United e Manchester City. Al momento sono cinque le squadre che i Campioni d'Italia potrebbero trovare agli ottavi .

Espletate le formalità di rito, i due soggetti sono stati rinchiusi nel carcere di Catania, piazza Lanza, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Gli agenti hanno proceduto quindi a bloccare le due autovetture provenienti dalla Calabria, come dimostrato dai tagliandi emessi dalla società che gestisce i traghetti a Villa San Giovanni. In quell'occasione, la donna ha manifestato segni di insofferenza: la sua eccessiva irrequietezza ha lasciato ritenere che la notizia giunta alla polizia potesse essere giusta, pertanto i tre soggetti sono stati condotti pressi gli Uffici della Mobile. Le perquisizioni eseguite sulle due macchine, protrattesi fino a tarda sera, hanno dato un primo esito negativo ma, avendo fondato motivo di credere che all'interno di una delle due auto vi fosse della droga, sono state sequestrate entrambe.

La perquisizione ha confermato i sospetti, infatti sono stati rinvenuti in totale 141 grammi circa della predetta sostanza; in particolare, circa 61 grammi nel comodino della camera da letto e 80 grammi addosso al soggetto, tutti occultati e divisi in piccoli involucri confezionati.

Da un controllo dei telefoni delle persone arrestate è emerso che durante il viaggio le due auto hanno ripetutatmente comunicato.

Share