27 gennaio Giorno della Memoria

Share

La programmazione della Stagione Teatrale 2017-2018 del Teatro Mancinelli di Orvieto continua con un appuntamento speciale che avvalora la mission formativa-culturale dell'Associazione TeMa.

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto.

Anche quest'anno, per il 27 gennaio, giorno che ricorda la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, scuole, associazioni e istituzioni pubbliche e private si sono organizzate con mostre, incontri e momenti di riflessione. Al di là di quel cancello, oltre la scritta "Arbeit macht frei" (Il lavoro rende liberi), apparve l'inferno e il mondo vide da vicino, per la prima volta, quello che era successo, conoscendo lo sterminio in tutta la sua triste realtà.

Catalogna: Carles Puigdemont a Copenaghen. Dalla Spagna la richiesta d'arresto
L'euro-ordine era stato ritirato in dicembre per il rischio che il Belgio negasse l'estradizione di Puigdemont. Fatalità che si è puntualmente verificata.

Minturno - L'amministrazione Comunale di Minturno commemorerà la 'Shoah' in due giornate, venerdì 26 e sabato 27 gennaio, per consentire la partecipazione degli alunni di entrambi gli Istituti Comprensivi della città, in quanto l'I.C. "Marco Emilio Scauro" di Scauri effettua la 'settimana corta' e il 27 gennaio, quest'anno, cade di sabato. La sua storia è quella di un'Europa che si sveglia ogni giorno più intollerante, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dice no può fare la differenza. Vogliamo ricordare, da una parte, le aberrazioni della mente umana nel nostro civilissimo Occidente che ancor oggi compiono "stragi silenziose"; ma, dall'altra, vogliamo mettere in risalto l'immenso valore della vita umana, in qualunque modo essa venga alla luce ed in qualunque contesto sociale essa venga accolta.

Lo spettacolo è nato tre anni fa come laboratorio nella scuola di recitazione Stage Academy diretta da Patrick Rossi Gastaldi. Una storia del 1985, è stata censurata e mantenuta segreta, dal regime sovietico, gli ultimi testimoni, di una storia, letta dagli occhi dei bambini, defraudati della propria infanzia, quale ricordo, resterà negli occhi dei piccoli, se non una lacrima rappresa, sul ciglio degli occhi. La manifestazione al Liceo Alberti, invece, verrà curata dall'assessorato alla Cultura e dal Dipartimento di Storia e Filosofia del Liceo dell'istituto minturnese.

Share