Alitalia, si sceglie l'offerta

Share

"Oggi abbiamo sul piatto tre offerte" per Alitalia.

"Abbiamo fatto un prestito ponte che nell'insieme vale 900milioni e che per fortuna in questo momento è intonso perché i commissari hanno lavorato bene, hanno tagliato molti costi, e quindi la situazione è stabile", ha sintetizzato il ministro. Nessuna preferenza sui nomi, ha ribadito il ministro, ma una cosa è certa, no al rinvio della cessione, in quanto "Alitalia non ce la fa da sola, basta un aumento del prezzo del carburante o anche semplicemente il fatto di entrare nella bassa stagione che si bruciano soldi". Fare il parlamentare "non è il mio lavoro".

Acer presenta il notebook più sottile al mondo: arriva Swift 7
Con appena 8,98 millimetri di spessore, il nuovo Swift 7 è un PC sempre connesso e progettato per la mobilità. Acer Swift 7 2018 è sicuramente uno dei prodotti più interessanti che la società presenterà al CES 2018 .

Esuberi, costi per lo Stato e validità del progetto industriale dal punto di vista delle connessioni aeree, saranno oggetto della trattativa, riporta il quotidiano. Cerberus, che ha nel curriculum un altro salvataggio di compagnie in crisi, quello di Air Canada nel 2004, sarebbe pronto a versare tra i 100 e i 400 milioni per il controllo della compagnia italiana.

Le tre aziende che hanno formulato offerte sono Lufthansa, EasyJet e Cerberus (fondo d'investimenti statunitense). Nel primo il ministro Calenda mira al negoziato in esclusiva con l'investitore, che, entro fine gennaio, avrà presentato l'offerta migliore. "Si continua a parlare delle cifre relative alla vendita, ma come sindacato chiediamo, indipendentemente da chi sarà l'acquirente, un piano industriale di sviluppo ed il mantenimento dei livelli occupazionali e retributivi in Alitalia e nell'indotto aeroportuale".

Share