Baby gang, ragazzo aggredito a Napoli: chi sa qualcosa parli Video

Share

Sono le parole pronunciate dalla madre di Gaetano, il 15enne picchiato da un gruppo di ragazzi ieri sera all'esterno della stazione della metropolitana di Chiaiano, a Napoli, e ricoverato in prognosi riservata all'ospedale "San Giuliano" di Giugliano in Campania. Il ragazzino è stato sottoposto a operazione per l'asportazione della milza.

Sull'episodio indagano gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano.

I tre amici erano diretti a Qualiano ma sono stati aggrediti all'improvviso da un gruppo di giovanissimi, almeno una decina.

Al termine dell'aggressione è riuscito a tornare a casa per essere poi trasportato da uno zio al vicino ospedale di Giugliano, dove è stato sottoposto all'intervento chirurgico per l'asportazione della milza.

Tragico incidente stradale, 57enne rischia la vita
Una donna Rosaria De Leo , 51 anni è morta oggi al Policlinico dopo essere stata investita ieri sera su viale Giostra a Messina . Un secondo incidente è avvenuto nel pomeriggio sull'Aurelia, in direzione nord all'altezza di Braccagni (Grosseto).

"Queste cose non devono più accadere, si deve fare giustizia". La madre del 15enne ha ricordato il caso di Arturo, il 17enne accoltellato in via Foria lo scorso 18 dicembre: "Non è possibile che episodi del genere si ripetano, quando finirà questa violenza? A mio figlio è andata bene ma poteva andare peggio".

E dopo il ferimento del figlio 15enne la mamma lancia un appello: "Chi ha visto qualcosa che può servire alle indagini condotte dalle forze dell'ordine ci aiuti, ma soprattutto sporga denuncia", la nostra città non può morire. "Non siamo tutelati, questa storia deve finire".

Aggiornamento ore 15.31: Preoccupato il questore di Napoli Antonio De Iesu. Il branco, pare si trattasse di una quindicina di ragazzi, è entrato in azione in serata contro un gruppetto di adolescenti che se ne stava per i fatti suoi. Si è trattato di una violenza immotivata e inaudita, violenza di un branco di minorenni deviati e disadattati, frutto forte del tiepido controllo delle famiglie e di un ambiente che sicuramente favorisce queste cose. E informa: "Abbiamo elementi investigativi su cui orientare le indagini".

Sulla scia di questi ultimi eventi, ma anche a seguito di una situazione sicurezza che negli ultimi anni non è certo stata rosea per il quartiere Torrenova, la Lega Nord chiede "aiuto al Questore, visto che l'amministrazione targata PD si dimostra, come sempre, inadeguata".

Share