"C'è un disegno strategico contro il Pd" (Renzi)

Share

"Sembra la campagna elettorale della Lapponia, del paese di Babbo Natale". Insomma il sogno di don Sturzo, che per Renzi era un "profeta" a fronte dei politici "post-profeti" di oggi che "spiegano tutto il giorno dopo". Tra gli oratori anche il capogruppo dei Socialisti e Democratici a Strasburgo Gianni Pittella, in odore di un seggio al Senato nelle prossime elezioni, mentre gli altri i 24 eurodeputati PD gestiranno le 11 tavole rotonde, che vanno dalla riforma della Ue all'agricoltura, passando per governace economica, diritti, cooperazione, commercio, turismo, cultura, innovazione, politica regionale, politica sociale e innovazione. I ricorsi potranno essere presentati nelle 12 ore successive alla Commissione elettorale di Garanzia che sarà eletta dalla Direzione: essa sarà composta da 11 iscritti che sono incandidabili. Perché quando manca la politica si crea lo stallo, come in Catalogna. "Noi siamo abituati a dirlo sempre - ha aggiunto - lui lo dice questa volta". "Noi - ha rivendicato Renzi - abbiamo scelto di non fare una campagna elettorale con la lista della spesa, con il libro dei sogni".

"Il futuro si chiama Stati Uniti d'Europa e noi lo diciamo a testa alta". E lancia il suo appello: "Se i "liberi e forti" non resteranno alla finestra, ma si impegneranno, allora vinceremo noi". Invitando gli altri partiti a dire con chiarezza da che parte stanno" ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, chiudendo i lavori dell'iniziativa sull'Europa organizzata a Milano dall'eurogruppo Dem. "Possiamo arrivare a investire il 2% nella difesa europea, ma non al rimorchio degli altri. Il premier ha confermato la volontà di seguire quello che "decide il partito".

Roma, Monchi: "Non stiamo smobilitando, ma se arrivano offerte le valuterò"
Adesso parlare di scudetto non è corretto. "Non può essere una colpa avere in rosa tanti calciatori forti che interessano ai club. Come si arriva a questa partita dopo la pausa? A partire da Perotti e Gonalons , che non avremo in una partita tanto importante.

In prima fila tutti i vertici del Pd siciliano, catanesi e moltissimi democristiani che vivono nel ricordo di don Sturzo, che "sta diventando un Santo, ma non fatene un santino.".

Share