Chi l'ha visto? del 17 gennaio sulla morte del parà Emanuele Scieri

Share

Ormai nota, non certamente per meriti, la puntata andata in onda il 6 ottobre del 2010, quando venne data in diretta la notizia del ritrovamento del cadavere di Sarah Scazzi, con la madre della ragazza in collegamento dalla casa del cognato (il luogo che successivamente verrà indicato come quello dell'omicidio di Sarah). Si sospetta in particolare che la vittima possa aver ricevuto dei maltrattamenti al pari di altre reclute. A quasi 20 anni dal caso, le rilevazioni della commissione d'inchiesta istituita escludono la possibilità del suicidio. Sarà la morte del parà Emanuele Scieri sotto la lente di ingrandimento della trasmissione di Federica Sciarelli in onda alle 21.15 su Rai 3. La morte di Scieri è, infatti, ancora avvolta da un velo di mistero. Chi l'ha visto? ha deciso di lanciare pertanto un appello a tutti coloro che all'epoca prestavano servizio di leva presso la caserma di Gamerra di Pisa e a quanti abbiano in qualche modo potuto vedere qualcosa di sospetto. "Raccoglievano escrementi umani con i quali facevano agli allievi la famosa 'comunione': un cucchiaio di questa roba che dovevano mandare giu'". Sono trascorsi oltre 18 anni da quel giorno: Emanuele Scieri è stato ritrovato privo di vita nell'agosto del '99, ma inizialmente la sua morte è stata attribuita ad un suicidio.

Verme nella lattina di Coca Cola: 12 enne ricoverata ad Andria
Le condizioni di salute della ragazzina sarebbero buone e, secondo il personale medico, non correrebbe alcun rischio, anche se si troverebbe ancora, a scopo precauzionale , sotto osservazione medica all'ospedale 'Bonomo' di Andria .

"Dopo la relazione della Commissione Parlamentare d'inchiesta sono state riaperte le indagini per la morte del parà Emanuele Scieri" prosegue la Rai. "Dopo non ne ho sentito più parlare", questa fu la deposizione di Celentano.

Share