Elezioni, Berlusconi: "Punto al 45% di coalizione"

Share

"Se Maroni ha dei motivi personali che lo hanno spinto a non ricandidarsi alla presidenza della regione Lombardia, a due mesi dal voto, dico che e' assolutamente impensabile che si possano pensare per lui dei ruoli politici e tantomeno dei ruoli nel futuro governo".

"Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia che vale molto di più di tanti ministeri, evidentemente in politica non puoi più fare altro". "Assicureremo al Paese un governo forte e stabile". Così Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, in una intervista a Circo Massimo su Radio Capital.

Bologna, Verdi sempre vicino al Napoli: se parte piace Galano come sostituto
Secondo quanto riporta Sport , il Barcellona preferirebbe cedere l'esterno al Napoli , pronto a prenderlo a titolo definitivo. I nomi che ruotano attorno al calciomercato del Napoli sono di primo livello.

In precedenza nella nota la segreteria di Fi chiariva che Berlusconi: "si è limitato a constatare che il Jobs Act è sostanzialmente fallito, perché non ha indotto le imprese a creare occupazione stabile, ma quasi esclusivamente lavoro precario".

Quindi una battuta d'arresto, per ora, al lancio da subito di una figura di peso capace di trainare il Centrodestra alle politiche del prossimo 4 marzo; uno stop del resto paventato anche in casa Lega, come riassume un articolo della Stampa dove anche per alcuni esponenti del Carroccio vicini a Salvini, Maroni non sarebbe in corsa: "Se uno si rompe la gamba e non può fare la maratona, allora non può fare nemmeno il giro d'Italia", aveva scritto ieri il senatore bresciano della Lega Raffaele Volpi su Facebook. I sondaggi d'altronde, dice il Cavaliere, parlano per lui: "Stiamo raggiungendo quota 40% che dovrebbe garantire la maggioranza assoluta in Parlamento". Quanto al Movimento 5 stelle, l'affondo di Berlusconi è arrivato puntuale: "Non hanno mai amministrato neppure un condominio e i risultati si vedono quando, come avviene a Roma, hanno delle responsabilità di gestione". E' una semplice constatazione tecnica, non un giudizio politico. Ho fatto il nome di Draghi per indicare il profilo di un futuro, possibile, ministro del governo di centrodestra. "Il problema non sono le tipologie contrattuali o l'articolo 18". "Da liberista autentico dico che è evidente che il lavoro precario è meglio dell'assenza di lavoro - ha aggiunto - ma non è una buona soluzione né per l'azienda né per il lavoratore". Ma io non l'ho candidato e non voglio che su questa cosa vengano fatte delle strumentalizzazioni. "Non mi risulta purtroppo che il presidente della Bce sia interessato ad avere un ruolo di governo", precisa.

Share