Fontana si scusa: "Espressione sbagliata e di questo mi dolgo"

Share

Dobbiamo ribellarci. Non è questione di essere xenofobi o razzisti, è questione di essere logici e razionali. "Dobbiamo decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società devono continuare a esistere o se devono essere cancellate".

Le parole di Fontana hanno scatenato un vespaio di polemiche. Che la locuzione "razza bianca" sia stata pronunciata volontariamente o meno, nulla cambia. "Se la maggioranza degli italiani dovesse dire 'noi vogliamo autoeliminarci' vorrà dire che noi che non vogliamo autoeliminarci ce ne andiamo da un'altra parte".

Tuttavia, al netto del riferimento pasticciato al diritto della comunità ad abitare la terra fertilizzata dal sangue dei padri, la questione dello stop all'immigrazione è tema portante dell'odierna sfida elettorale per cui è cosa buona e giusta che ciascun competitore dica come la pensi. Virtù che, visto il curriculum, Fontana possiede senza bisogno di dover ricorrere alle scivolate verbali per dimostrare di essere visibile all'elettorato quanto lo è stato il suo predecessore. "E tutto questo è triste e pericoloso per la Lombardia e i lombardi prima di tutto". "A quel punto quando un governo fa un progetto di questo genere lo sottopone ai suoi cittadini".

"È un discorso demagogico e inaccettabile quello di dire che dobbiamo accettarli - ha continuato il candidato leghista -". "E' un disegno a cui bisogna reagire, a cui bisogna ribellarsi". Noi non possiamo, perché tutti non ci stiamo.

Dentro la festa di Sant'Antonio Abate, un incontro con don Mario Brizzi
Alle 6.00 si terrà la sfilata delle "Conche Rescagnate", con annessa premiazione delle conche e del costume tradizionale. Martedì 16 e mercoledì 17 gennaio si rinnoverà, a Torralba, il culto in onore di Sant'Antonio Abate o di Tailos.

"Le dichiarazioni di Attilio Fontana ricordano il "Mein Kampf" di Hitler - esordisce Maran nel comunicato di LeU -, davanti a certe parole occorre dire le cose come stanno e noi non abbiamo paura di farlo. Scegliete voi. Fare meglio si deve, senza isterismi e demagogia". Il leader della Lega Matteo Salvini fa da scudo: "È in corso un'invasione, a gennaio sono ripresi anche gli sbarchi". Sono a rischio la nostra cultura, società, tradizioni, modo di vivere. Il colore della pelle non c'entra niente e c'è un pericolo reale: "secoli di storia che rischiano di sparire se prende il sopravvento l'islamizzazione finora sottovalutata".

Onorio Rosati, candidato alla presidenza della Regione Lombardia per Liberi e Uguali, è intervenuto ai microfoni della trasmissione "Ho scelto Cusano - Dentro la notizia", condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell'Università Niccolò Cusano. "Se loro sono moderati allora io sono Gandhi" ironizza il candidato premier M5s Luigi Di Maio, a Un Giorno da Pecora su Radio Uno. Uno scivolone. Ma il candidato leghista alla Regione Lombardia Fontana è una persona umile, pragmatica e laboriosa.

Su Facebook ha scritto commentando Fontana anche Matteo Renzi: In Lombardia "ci aspettavamo un dibattito alto, bello, nobile, sui contenuti".

LA REPLICA DI GIORGIO GORI:"C'è chi parla di forconi e razza bianca".

Share